mercoledì 16 ottobre - Aggiornato alle 21:33

Spartan race, nel cuore dell’Umbria un campo di allenamento unico. E un atleta va ai mondiali

Oltre cento gli iscritti alla Molon Labe che si allenano due volte a settimana su percorsi tra ostacoli, pozze d’acqua e filo spinato

Molon Labe al campo di allenamento di Bevagna

Scavalcare un muro, trasportare oggetti pesanti, attraversare fiumi e laghi, passare sotto il filo spinato o arrampicarsi con una fune. La Obstacle course race nasce molti anni fa in Inghilterra, con la disciplina che poi in America si è trasformata in Spartan Race, una variante più mediatica e oggi molto in voga anche in Italia. Nel cuore dell’Umbria c’è un campo di preparazione unico nel Centro Italia e che attira moltissimi atleti da regioni limitrofe come Lazio e Marche. Più precisamente a Bevagna, grazie alla presenza della Molon Labe. Si tratta di una società sportiva impegnata nelle discipline di Ocr (Obstacle Course Race) e Spartan Race, competizioni nelle quali gli atleti uniscono alla classica corsa, anche il superamento di ostacoli più o meno impegnativi. Per allenarsi, la Molon Labe usufruisce da diverso tempo di un’area all’interno dello stadio comunale “Pietro Palmieri”, grazie ad un accordo con l’Acd Bevagna e l’amministrazione comunale. La società guidata dal presidente Emanuele Gregori.

Molon Labe Tutto a Bevagna è nato quasi per gioco tra un gruppo di amici, ma ora la Molon Labe conta circa 100 iscritti, con almeno due allenamenti settimanali che portano gli “spartani” umbri a competere in giro per tutto il mondo. «La possibilità di usare la pista d’atletica dello stadio bevanate, unita ad una serie di attrezzature che abbiamo realizzato – spiega Emiliano Nuzzo, segretario e Spartan SGX coach – permette a tanti ragazzi di non allenarsi fuori dal nostro territorio. Da poco siamo riusciti ad effettuare anche un primo corso di specialista su ostacoli a marchio Spartan Race, approvato direttamente dagli Stati Uniti».

Ai mondiali Sarà proprio Emiliano Nuzzo a partecipare, l’11 e 12 ottobre, al Campionato del mondo Ocr che si svolgerà a Londra. Un altro atleta, Simone Andreani, ha partecipato invece Campionati mondiali di Spartan Race che si sono svolti nei pressi del lago Tahoe, in America. Il preparatore tecnico della società è Maurizio Turrioni. «La Molon Labe è l’unica società in Umbria riconosciuta da Spartan Usa – afferma il presidente Emanuele Gregori -. Siamo prima di tutto un gruppo di amici, anche se questa disciplina sta prendendo piede e stiamo cercando di strutturarci per crescere ed offrire nuove opportunità a chi pratica questo sport».

Indotto turistico sportivo Importanti anche le ricadute sul territorio bevanate. I tanti atleti del comprensorio e di fuori regione che sudano al “Palmieri”, portano in città anche un prezioso indotto nei confronti delle attività commerciali. Per suggellare un legame sempre più forte tra Comune, Acd Bevagna e Molon Labe, nella mattina di sabato gli esponenti di quest’ultima società sono stati ricevuti a palazzo comunale dal sindaco e dal vicesindaco. «Le regole, i comportamenti e la disciplina che vengono messe in questo sport – commentano gli amministratori comunali – offrono importanti spunti anche per la vita di tutti i giorni. E’ bello vedere persone così motivate e attaccate alla nostra città». Durante l’incontro, agli amministratori comunali è stata consegnata una maglia della società Molon Labe, che a sua volta ha ricevuto la guida della città di Bevagna. Nel corso del tempo, gli atleti della Molon Labe – che comprende alcuni ragazzi di Bevagna – si sono presi cura anche della manutenzione di parte dello stadio, come forma di riconoscimento per la possibilità che hanno di utilizzare la struttura.

I commenti sono chiusi.