martedì 23 ottobre - Aggiornato alle 01:03

Sirci: «Tre giorni di festa. Anzani resta, Leon sogno avverato. E il Mondiale per Club…»

Il presidente della Sir Volley Perugia scatenato a ‘Sottorete’: «Tre serate con i tifosi per onorare il ‘triplete’. Il cubano giocatore fantastico»

Gino Sirci a sinistra al termine della trasmissione 'Sottorete' in onda su Tef Channel

di Daniele Sborzacchi

«Tre giorni di festa per onorare alla grande il ‘tirplete’. Saranno tre serate, venerdì 1 giugno, 8 giugno e 15 giugno. Feste degne insieme ai nostri fantastici tifosi per ricordarci di questa stagione memorabile». Un Gino Sirci letteralmente scatenato quello che durante la trasmissione televisiva Sottorete, in onda su Tef Channel e condotta da Marco Cruciani, ha ufficializzato il ‘rompete le righe’ e parlato di volleymercato.

Il fenomeno Wilfredo Leon approda a Perugia con un contratto biennale. «Giocatore fantastico, che può fare la differenza con la sua potenza e la sua eleganza, lo avete visto in questa Final Four di Champions League. Prima contro di noi, poi in finale con la Lube nel tie-break quando ha deciso di vincere il match non c’è stato nulla da fare. Siamo strafelici di averlo con noi, è un giocatore-attrazione per tutto il volley italiano».

Biennale per Anzani Sembrava destinato a Modena il centrale Simone Anzani, ma il patron ha messo un ben freno per la gioia dei tifosi… «Aveva ricevuto durante la stagione un’offerta da Modena, noi ci abbiamo parlato nei giorni scorsi, anzi per dirla tutta in aeroporto prima del rientro proponendogli un rinnovo biennale e pareggiando la cifra di Modena. Mancano le firme ufficiali ma penso che resterà con noi, a meno di clamorose sorprese».

Il sostituto dello ‘Zar’ «Sapete tutti come è andata – continua Sirci parlando poi dell’imminente addio di Zaytsev -. Lui dallo scorso anno diceva di voler tornare a giocare opposto e noi allora iniziammo a corteggiare Leon. Poi ha rilasciato a marzo delle dichiarazioni secondo le quali sarebbe rimasto a Perugia anche da schiacciatore. Io dico che non bisogna mai innamorarsi dei giocatori e degli allenatori, perché sono delle amanti bellissime ma non durano in eterno… Ciò che è importante è la società. Il sostituto? Ci stiamo guardando intorno, con un italiano consentiremmo a Podrascanin di rimanere titolare, poi abbiamo anche Russell e Berger. Vedremo, a proposito di Russell, potremmo anche decidere di cederlo, ma mi piangerebbe il cuore essendo un giocatore titolare della nazionale americana e con delle grandi qualità». Si parla di Filippo Lanza, con eventuale operazione che prevede proprio lo scambio con Trento cui andrebbe lo stesso Russell, e Simone Parodi.

Capitolo Bernardi «Non c’è bisogno di confermarlo – è una decisione scontata per quello che ha fatto, per come ha saputo guidare il gruppo e per il suo carisma. Siamo molto felici di averlo con noi». Pillole poi anche sul PalaEvangelisti, i cui lavori «speriamo partano in fretta così da avere una capienza superiore, fino a 5200 posti e così da poter ospitare, cosa che ci spetta di diritto, una manifestazione come la Supercoppa Italiana. A proposito di manifestazioni importanti, a dicembre potremmo ricevere una wild-card come squadra campione d’Italia per partecipare al Mondiale per Club di Cracovia. Sarebbe veramente una vetrina fantastica».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.