mercoledì 19 settembre - Aggiornato alle 07:20

Sir Volley Perugia, rinnovano Atanasijevic e Podrascanin. In banda l’obiettivo è Lanza

Biennali per opposto e centrale. Zaytsev verso l’addio ma non è detta l’ultima parola. Leon? In realtà il nome che stuzzica è quello del ‘Pippo’ nazionale

Filippo Lanza a sinistra contende la palla al palleggiatore della Sir Volley Perugia Luciano De Cecco (foto Michele Benda)

di Daniele Sborzacchi

La Sir Volley Perugia edizione 2018-19 inizia a prendere forma. Si sa, il mese di febbraio nel mondo della pallavolo è spesso foriero di manovre per l’immediato futuro ed anche l’anno in corso non sfugge a questa regola. La capolista, fortemente concentrata sul big-match di sabato sera contro la Lube Civitanova, è ormai a pieno titolo uno squadrone in cima alle preferenze di molte ‘star’ di livello italiano ed internazionale. Partiamo dalle certezze: sono ufficiali i rinnovi di contratto biennali per Aleksandar Atanasijevic e Marko Podrascanin. I due giocatori serbi saranno quindi punti cardine anche per la prossima stagione. Il ‘Boss’ Luciano De Cecco è legato da un contratto fino al 2020 mentre lo schiacciatore Aaron Russell andrà in scadenza a giugno 2019 e quindi è certo di conferma. Scadranno nel 2020 anche i contratti del libero Max Colaci e del centrale Fabio Ricci, con il compagno di reparto di quest’ultimo Simone Anzani invece a scadenza 2019. Riflessione numero uno: gran parte dell’ossatura quindi non sarà toccata e questa è una gran bella notizia.

Capitolo Zaytsev Lo ‘Zar’ vuol tornare a giocare da opposto, come sarà anche in nazionale visto che ormai la ‘querelle’ delle scarpe è praticamente superata e l’asso spoletino tornerà a far parte pienamente del gruppo azzurro. In pratica dopo due anni da schiacciatore, sembra chiusa la sua esperienza a Perugia anche se con le sue grandissime doti diplomatiche il direttore sportivo Stefano Recine sta provando fino all’ultimo a convincerlo a rimanere. Alla finestra per lo ‘Zar’ ci sono Milano (soprattutto), Modena e molte formazioni estere. Se dovesse partire come sembra Zaytsev, ci sarà bisogno di un grande schiacciatore italiano.

No Leon Tutti parlano di Wilfredo Leon, magari dimenticando la regola che in Italia parla di almeno tre giocatori del nostro paese contemporaneamente in campo (la regola non vale per le competizioni europee). Il cubano naturalizzato polacco è ancora in trattativa con il suo club, lo Zenit Kazan, ma alla finestra ci sono molti club asiatici pronti a far faville pur di ottenere le prestazioni del caraibico. Gino Sirci va dicendo di aver presentato la sua offerta al giocatore (assistito dal procuratore polacco Andreji Grzyb), ma con un eventuale Leon in campo, il tecnico della Sir nella prossima Superlega sarebbe costretto a rinunciare ad un centrale, in pratica ricorrendo alla stessa strategia della Lube Civitanova che spesso attua la staffetta Sander-Kovar e Cester-Stankovic proprio per non sfuggire alla regola degli italiani.

Obiettivo Lanza Senza nulla togliere al carisma ed alle doti di Leon, l’obiettivo principale della Sir Volley Perugia sembra essere una ‘banda’ italiana, ed il primo nome della lista è quella di Filippo Lanza, bandiera di Trento, classe ’91 e perno della nazionale. Certo, non sarebbe facile strappare un giocatore leader della società trentina a patron Mosna, ma chissà che al matrimonio di Gino Sirci, con lo stesso Mosna nelle vesti di testimone, non si sia anche parlato di questo. L’acquisto di Lanza dopo la eventuale partenza di Zaytsev, consentirebbe di toccare pochissimo gli equilibri di squadra. E si sa, la continuità quasi sempre è una grande chiave di successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.