martedì 19 giugno - Aggiornato alle 12:24

Sir Volley Perugia, quanti rischi. Ravenna battuta all’esordio nei playoff

Ospiti super con Marechal, i Block Devils senza Russell e con Atanasijevic non al meglio si salvano dopo aver rischiato grosso

L'esultanza dei Block Devils (foto Michele Benda)

di Daniele Sborzacchi

Debutto nei playoff con brivido per la Sir Volley Perugia, che suda le fatidiche sette camicie prima di portare a casa la vittoria in gara 1 dei quarti di finale Scudetto. Ravenna gioca una partita di altissimo livello e dopo la scoppola della domenica precedente (ultima di regular season) stavolta trova il modo di impensierire non poco i Block Devils, presentatisi in campo ancora orfani di Russell (guai muscolari) e con Atanasijevic (febbre) a mezzo servizio. Gli ospiti, trascinati da Marechal, portano a casa il primo parziale e vanno a set-point anche nei successivi due, con Perugia costretto a guizzi di alta intensità (con ‘Bata’ e Podrascanin) per vanificare l’allungo giallorosso. Una prestazione sicuramente non all’altezza quella di De Cecco e compagni, troppo discontinui in attacco e meno determinati del solito in difesa. La classe dei singoli però ancora una volta ha fatto la differenza. Se nella prima parte di gara Marechal ha dettato legge, poi ci ha pensato Atanasijevic e quindi ‘Potke’ a mettere le cose a posto. Tanti errori in battuta per Perugia, che evita la beffa e scaccia i fantasmi all’esordio nella post-season.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – BUNGE RAVENNA 3-1
(20-25, 26-24, 28-26, 25-19)
PERUGIA: Zaytsev 15, Berger 11, De Cecco 2, Andric 3, Anzani 10, Podrascanin 10, Colaci (libero 20%), Della Lunga, Shaw, Atanasijevic 17. Ne Ricci, Cesarini, Siirila. All.: Bernardi
RAVENNA: Orduna 2, Poglajen 9, Georgiev 6, Diamantini 3, Marechal 25, Buchegger 20, Goi (libero 19%), Raffaelli 1, Pistolesi, Gutierrez, Vitelli. Ne Mazzone, Marchini. All.: Soli.
Arbitri: Tanasi – Zavater. Durata: 25’, 32’, 34’, 27’. Tot 1h 58’. Spettatori 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.