Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 28 gennaio - Aggiornato alle 10:38

Perugia ancora nel baratro, il Cittadella passa al Curi

Prestazione da dimenticare per i Grifoni, nel giorno della riapertura della Nord e del 45esimo anniversario dalla morte di Curi. Ultimissimo posto in classifica

Mister Castori ©Fabrizio Troccoli

di Daniele Sborzacchi

Il colpaccio del ‘Granillo’ è stata una mera illusione. Il Perugia una settimana dopo ripiomba nello sconforto sportivo cedendo in casa al Cittadella, ritrovandosi così ancora più in fondo alla classifica di serie B.
FOTOGALLERY

Una sconfitta non solo dal punto di vista del risultato, ma anche pesantissima per il morale, nel giorno della riapertura della curva Nord e soprattutto del 45esimo anniversario dalla morte di Renato Curi. Prestazione terribilmente negativa per i ragazzi di Castori, mai (dicasi mai) pericolosi in attacco, confusi in ogni parte del campo e per di più con la zavorra dell’uomo in meno (espulso Iannoni). Insomma, la situazione resta veramente delicatissima e la sensazione è che per venirne fuori servirà una autentica impresa.

Avvio lento Il Perugia è sorpreso dal ritmo del Cittadella, con Varela abilissimo nelle ripartenze ad azionare gli attaccanti granata. Prima Beretta tenta il destro (debole), poi lui stesso calcia a botta sicura dopo che Visentin aveva ‘soffiato’ palla a Bartolomei: la difesa biancorossa si salva. Il Grifo non riesce ad organizzare la manovra offensiva, ci prova Luperini con un colpo di testa senza troppe pretese ma dall’altra parta arriva la doccia fredda. Ancora Varela si invola e serve un pallone ghiotto a centro area: Beretta ha tutto il tempo per girarsi e col sinistro supera Gori. Sono a dir poco episodici gli attacchi del Perugia, come quando Pavan sbaglia il disimpegno e Strizzolo non riesce ad approfittarne. Invece il Cittadella è sempre pericoloso quando va in avanti, prima Varela col tacco (Gori alza sopra la traversa), poi lo stesso portierone biancorosso sventa il raddoppio veneto neutralizzando una velenosa punizione di Donnarumma. Poco prima, una clamorosa ingenuità di Iannoni (pallone calciato dopo essere stato anticipato da un avversario), lasciava la squadra di Castori in dieci. Come a dire, strada neanche in salita, di più…

Solo generosità nella ripresa Col doveroso ricordo e lungo applauso in memoria di Renato Curi (gioco interrotto al 5′), la partita non decolla malgrado il Perugia provi con insistenza, anche in inferiorità numerica, ad attaccare. Castori gioca la carta Kouan, poi getta nella mischia anche Di Serio e Di Carmine cercando di abbattere la muraglia difensiva del Cittadella. Senza successo, la Nord continua ad incitare i Grifoni che però sembrano anche a corto di energie. Di occasioni nemmeno a cercarne, solo agonismo, traversoni in area, mischie e calcioni un po’ troppo alla ‘evviva il parroco’. Passano i minuti ed i veneti controllano senza troppi problemi la contesa e sfiorano il raddoppio con Perticone (testa fuori). La semi-rovesciata di Luperini nel recupero meriterebbe miglior sorte, nel recupero c’è anche il raddoppo di Magrassi… Evidentemente non è proprio il momento migliore per un Grifo che a testa bassa, sotto i fischi, esce dal Curi come un cane bastonato.

Perugia – Cittadella 0-2
PERUGIA (3-5-2): Gori; Sgarbi (1′ st Kouan), Curado, Dell’Orco; Casasola, Iannoni, Bartolomei, Luperini, Paz (28′ st Beghetto); Melchiorri (19′ st Di Serio), Strizzolo (19′ st Di Carmine). A disp.: Moro, Vulikic, Baldi Leon, Righetti, Lisi, Vulic, Olivieri. All.: Castori
CITTADELLA (4-3-1-2): Kastrati; Vita, Perticone, Visentin, Donnarumma; Pavan, Mastrantonio (14′ st Mazzocco), Cassandro (14′ st Mattioli); Varela; Antonucci (29′ st Magrassi), Beretta (37′ st Tounkara). A disp.: Manfrin, Maniero, Del Fabro, Frare, Ciriello, Carriero, Danzi. All.: Gorini
ARBITRO: Minelli di Varese (assistenti Marchi – Niedda, IV ufficiale Maggioni, Var Di Martino – Paganessi)
MARCATORI: 13′ pt Beretta, 50′ st Magrassi
NOTE: Spettatori 5605, di cui 2764 abbonati e 31 ospiti. Espulso al 45′ pt Iannoni (P) per doppia ammoninizione. Ammoniti Mastrantonio (C), Cassandro (C), Beretta (C), Perticone (C). Recupero pt 1′, st 7′

I commenti sono chiusi.