Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 18 gennaio - Aggiornato alle 20:47

Perugia, a Bolzano un punto che sa tanto di occasione persa

In casa della capolista Sudtirol grande primo tempo: Melchiorri gol e nitide chances non sfruttate. Gli altoatesini si prendono il pari (1-1)

Una fase del match

di Daniele Sborzacchi

Un punto, striscia di imbattibilità che arriva a quota nove partite, ma anche tanto rammarico. E’ un po’ questo il bilancio per il Perugia di Fabio Caserta, che in casa della capolista Sudtirol gioca un grande primo tempo, andando in vantaggio e poi non riuscendo a concretizzare le chances per il raddoppio. Così gli altoatesini sfruttano un calcio di rigore preservando la vetta e soprattutto rimanendo senza sconfitte in casa. Un grande peccato per gli umbri, davvero molto determinati come approccio al match e abili a sciorinare una prestazione di grande convinzione. E’ mancata la concretezza, cosa certamente non da poco in serie C e specialmente in questo girone molto combattuto. Il Perugia rimane comunque agganciato al treno delle battistrada pur rimandando l’assalto al primato.

La partita Primo tempo come detto letteralmente dominato dal Perugia, che ha il demerito però di non concretizzare almeno una delle quattro palle-gol capitate dopo il vantaggio di Melchiorri, lesto nel ribadire a rete la ribattuta del palo dopo gran parata di Poluzzi su incornata di Murano. Lo stesso Melchiorri pochi minuti dopo, ottimamente servito da Elia, a tu per tu col portiere bolzanino si vede respingere il tocco ravvicinato e poi, in un’altr grande chance sul finire di tempo, non riesce a superare lo stesso approfittando di un errato disimpegno della difgesa sudtirolese. Mani nei capelli anche per Falzerano (girata alta da ottima posizione a portiere quasi battuto) ed Elia (ancora bravissimo Poluzzi nella respinta a terra). Così l’unica ingenuità difensiva dei Grifoni è pagata a caro prezzo: Casiraghi sullo slancio prende in velocità Rosi che lo strattota. Dal dischetto lo stesso Casiraghi firma il pareggio dei locali, quasi incredubili dopo aver subito per un tempo il dominio perugino. Nella ripresa la musica cambia, il Sudtirol appare più pimpante fisicamente e prende in mano le redini del match, pur senza creare clamorose occasioni. Ci provano però Casiraghi (punizione a lato) e Fabbri (destro fuori dopo bella cavalcata solitaria). Il Perugia perde smalto nelle ripartenze, ma non demorde e quando può rimette il naso in avanti; bella palla di Rosi per Murano che di testa colpisce debolmente e poi punizione centrale di Burrai. Poi tanto equilibrio col Grifo che generosamente tenta spunti in profondità, ma l’assalto alla vetta è rimandato.

Sudtirol – Perugia 1-1
SUDTIROL (4-3-1-2): Poluzzi; El Kaouakibi,  Malomo, Curto, Fabbri; Karic, Gatto, Beccaro (38′ st Fink); Casiraghi; Rover, Magnaghi (30′ st Fischnaller). A disp.: Meneghetti, Gigli, Turchetta, Pircher, Davi, Calabrese, Greco, Tait, Polak, Semprini. All.: Vecchi
PERUGIA (3-5-2): Fulignati; Rosi, Angella, Monaco; Elia (27′ st Sgarbi), Falzerano (32′ st Dragomir), Burrai, Sounas, Crialese; Melchiorri (43′ st Minesso), Murano (32′ st Bianchimano). A disp.: Bocci, Baiocco, Moscati,Vanbaleghem,Tozzuolo, Cancellotti, Kouan. All.: Caserta
ARBITRO: Cosso di Reggio Calabria (assistenti Del Santo-Lanza, IV ufficiale Kumara)
MARCATORI: 4’pt Melchiorri (P), 41′ pt rig. Casiraghi (S)
NOTE: Ammoniti Casiraghi (S), Curto (S), Crialese (P). Recupero pt 2′, st 3′.

I commenti sono chiusi.