Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 25 maggio - Aggiornato alle 12:34

Paraclimbing, il sigillano Al-Khatib vuole arrampicarsi sempre più in alto

L’atleta della Tacche e Svasi sarà protagonista in Coppa Italia a Reggio Emilia e punta a Salt Lake City

Omar Al-Khatib insieme allì'assessore Pastorelli

Perugia protagonista nel paraclimbing grazie ad Omar Al-Khatib. L’atleta della Tacche e Svasi, originario di Sigillo, sta vivendo una fase molto intensa della propria stagione agonistica. Ha di recente conquistato la prima tappa della Coppa Italia a Bologna ed è in attesa di confermarsi nella seconda in programma sabato 14 maggio a Reggio Emilia, per poi chiudere in Trentino. Una manifestazione che Al-Khatib vuole a tutti i costi conquistare, nell’attesa di rispondere alla convocazione azzurra per il mondiale di paraclimbing che si terrà a fine mese, con la prima tappa a Salt Lake City negli Stati Uniti.

Le sensazioni «E’ un periodo molto intenso per me – dichiara l’atleta di punta della Tacche e svasi – ma allo stesso tempo piacevole e stimolante. L’arrampica sportiva mi sta dando tanto: riesco ad andare oltre i miei limiti e a trovare un po’ di emancipazione rispetto alle difficoltà fisiche. Gli obiettivi stagionali? Spero di vincere la Coppa Italia e di riuscire a centrare il podio al mondiale». Per Al-Khatib, nato con un’amputazione transfemorale alla gamba sinistra, quella del 2022 sarà la quarta partecipazione al torneo iridato, dove ha conquistato anche un sesto posto. Nel 2021 si è classificato secondo alle finali del campionato italiano disputate a Trento e nel 2018 ha partecipato al master internazionale di paraclimbing che si è tenuto in Austria. «Omar – sottolinea il presidente della Tacche e svasi Carlo Baccarelli – è il nostro unico atleta portatore di handicap che partecipa a gare nazionali ed internazionali di arrampicata sportiva. Ci teniamo che i suoi sforzi abbiano il giusto risalto, perché oltre a essere un grande atleta è veramente una persona eccezionale. Gli auguriamo di vincere la Coppa Italia e di fare bene al mondiale». Nei giorni di preparazione alle sfide che lo attendono, Al-Khatib ha ricevuto la visita dell’Assessore allo Sport del Comune di Perugia, Clara Pastorelli, che per l’occasione si è cimentata, con buoni risultati, nello scalare una parete all’interno della palestra di Madonna Alta. «L’Amministrazione comunale – precisa lo stessa Pastorelli – rivolge ad Omar un augurio sentito per i prossimi impegni sportivi, con la speranza che porti in alto il nome della nostra città. E’ bello vedere atleti con difficoltà motorie allenarsi così bene e competere in manifestazioni importanti. Complimenti anche alla Tacche e svasi, al Presidente Baccarelli e tutto lo staff per aver supportato l’attività di Omar e in generale per consentire a tanti appassionati di svolgere una disciplina affascinante in una palestra bella e funzionale».

I commenti sono chiusi.