domenica 21 aprile - Aggiornato alle 21:09

Pala Barton, Regione pungola ancora Romizi: «Senza delibera nostri soldi inutilizzabili»

Il vicepresidente Paparelli risponde a interrogazione Pd: «Entro fine marzo Comune approvi progetto e stanzi risorse altrimenti si perde tutto»

Il taraflex tricolore montato al PalaBarton (foto profilo fb Sir Volley Perugia)

«Il crono-programma prevede che il Comune di Perugia, entro il 29 marzo 2019, debba presentare apposita deliberazione di approvazione del progetto esecutivo e del finanziamento dello stesso, prevedendo quindi le risorse necessarie». Il vicepresidente della Regione, Fabio Paparelli, torna sulla vicenda Pala Barton, rispondendo a una interrogazione dei consiglieri Pd, Giacomo Leonelli e Carla Casciari, gli stessi contro cui qualche giorno fa si era scagliato il sindaco Romizi, annunciando lo stanziamento di 1,6 milioni per i lavori da lungo tempo richiesti dalla Sir volley.

ROMIZI: SOLDI CI SONO

Spesi 199 mila euro Paparelli ha ricordato come la Giunta regionale «ha deliberato tre anni fa un protocollo d’intesa con il Comune di Perugia per interventi di manutenzione straordinaria e per il miglioramento tecnico e funzionale, che prevedeva il rifacimento di tribuna e gradinate con nuovi posti, nuovo tabellone elettronico, sala stampa, servizi igienici, spogliatoi, spazi collettivi riqualificati, una manutenzione straordinaria esterna e nuovi spazi da destinare a depositi, come richiesto dai vigili del fuoco. L’importo complessivo, di 600 mila euro, metà a carico del Comune e metà della Regione. A dicembre 2018 il Comune di Perugia ha trasmesso la determinazione dirigenziale del 7 novembre 2018, in cui vengono descritti lavori per un totale di 199 mila euro, rispetto all’importo di 600 mila euro contenuto nel protocollo d’intesa sottoscritto. Dalla rendicontazione emerge che i lavori sono i seguenti: nuovo tabellone, riqualificazione spazi collettivi, lavori di messa in sicurezza, riqualificazione arredo, sala stampa. Sulla determina inviata, ancorché non accompagnata di documentazione a supporto che ancora non abbiamo, è stato liquidato il primo acconto».

Comune deve deliberare Ora si attende la delibera del Comune sul progetto esecutivo e il relativo finanziamento per ampliare la capienza. «Allo stato attuale – ha precisato Paparelli – la documentazione prodotta del Comune di Perugia non consente l’utilizzo delle risorse regionali: la quota di cofinanziamento a carico del Comune per 1 milione 445 mila euro viene rinviato al bilancio 2019–2021 e allo stato attuale non risulta ancora approvata dallo stesso Comune. La mancata approvazione farebbe venire meno l’impegno della Regione rispetto alle risorse rese disponibili, mentre sono stati spesi esclusivamente 199 mila euro».

Dalle parole ai fatti Nella replica conclusiva, Leonelli ha detto che tutto ciò «pone fine all’immagine del sindaco di Perugia nocchiero indefesso che guida la nave della città in mezzo agli squali del Pd, visto che la Regione ha messo 500 mila euro e la possibilità di fare gli interventi appare molto a rischio. Quindi basta con la retorica, il Comune rischia di non fare gli interventi e la Giunta svolga in modo ancora più deciso la sua funzione. La pallavolo, sport dove la Regione giustamente investe in maniera eccezionale, in quanto eccellenza perugina di livello mondiale, è uno sport dove il fattore campo è fondamentale e così la presenza del pubblico. Il Comune sia messo di fronte alle sue responsabilità». Casciari ha poi sottolineato che «non solo il pubblico di Perugia segue la squadra, ma sono molte le presenze da altre città per assistere a uno spettacolo di livello così elevato. Il Sindaco, il quale ha detto che le nostre sono chiacchiere, faccia i fatti».

 

I commenti sono chiusi.