mercoledì 23 gennaio - Aggiornato alle 08:35

Grifo, minuto d’estasi: dall’1-1 al doppio vantaggio in sessanta secondi, poi Mazzeo e il Perugia fa poker

di Giovanni Baricca

Da maggio a novembre. Da Pagani a Pagani. Il Perugia non sbancava in trasferta dal 12 maggio scorso: ci è riuscito oggi, nello stesso stadio che sette mesi prima aveva fatto da sfondo al blitz, 0-2, a danno degli azzurrostellati. La Paganese ha accolto il Grifo con un 3-5-2 che concentrava in William e De Sena il proprio potenziale offensivo. Il Perugia ha rinunciato a Sini (acciaccato: si è allenato a singhiozzo in settimana) e a sorpresa ha inserito Conti, con Comotto dirottato sulla sinistra.

LEGGI LE INTERVISTE

PAGANESE (3-5-2): Volturo; Pepe, Panariello, Perrotta; Iraci (9’pt Amelio), Martinovic, Giampà, Franco (37’st Deli), Meola; De Sena, William (14’st Novothny). A disp.: Svedkauskas, Monopoli, Toppan, Grillo. All.: Maurizi.
PERUGIA (4-3-3): Koprivec; Conti, Massoni, Scognamiglio, Comotto; Moscati, Filipe, Nicco; Insigne (29’st Sprocati), Eusepi (37’st Mazzeo), Fabinho (42’st Vitofrancesco). A disp.: Stillo, Daffara, Bijimine, Mungo. All.: Camplone.
RETI: 12’pt De Sena (r), 18’pt Eusepi (r), 16’st Filipe, 17’st Insigne, 46’st Mazzeo.
ARBITRO: Caso di Verona.
NOTE: Rovesci lievi ma costanti sul «Marcello Torre» di Pagani. Ammoniti: Franco, Amelio, Giampà, Koprivec, Nicco, Comotto, Conti. Espulsi: nessuno. Angoli: 3-2. Recuperi: pt 2′, st 5′.

Primo tempo

1′  Partiti! Il settore ospiti del «Marcello Torre», per il momento, resta deserto.
12′ GOL PAGANESE William, toccato in area, cade a terra. Caso decide per il penalty. E a calciare va De Sena, che spiazza Koprivec. Il direttore di gara, però, fa ripetere: ancora De Sena, ancora estremo difensore battuto, rete valida stavolta. Paganese 1, Perugia 0.
18′ GOL PERUGIA Punizione per il Perugia: la trattenuta in area di Pepe, su Massoni, induce Caso a decretare un nuovo rigore. Che Eusepi trasforma, facendo esplodere i tifosi del Perugia, giunti al «Torre» intorno alò quarto d’ora.
30′ Un quarto d’ora di poco gioco, palle perse a centrocampo e interventi non convinti (oltre a un terreno a dir poco scorbutico, appesantito dalla pioggia) e il Grifo incassa. Su rigore, dopo il primo tentativo su azione di De Sena, al 1′, abbondantemente a lato. Start bruttarello e, via via, Perugia in crescendo fino al 30′. I biancorossi trovano un paio di punizioni interessanti e da una di queste nasce l’occasione (sfruttata, ancora una volta su rigore) del pareggio. Un fuorigioco di Moscati e una punizione di Fabinho (ribattuta) e una chance di William, dall’altra parte, chiudono la risma di occasioni della mezz’ora.
45’+2′  Insigne accende i reattori (37′) salta tre uomini e apparecchia la tavola per Nicco-Eusepi che… in due cincischiano, a tu per tu con Volturo, e infatti il pallone non lo piglia nessuno. Grifo macchinoso, fatte salve le accelerazioni del napoletano. Ma se non altro propositivo, a questo punto. Filipe mira al bersaglio da distanza siderale, palla sul fondo. Insigne imbecca Eusepi (45′), ma il centravanti scivola e manca il colpo. Squadre al riposo sull’1-1. Per il momento gli ammoniti sono tre, tutti campani: Franco, Amelio e Giampà.

Secondo tempo

1′  Paganese e Perugia di nuovo in campo. Nessun cambio da segnalare.
15′ Ricomincia a piovere e a piovere forte, al «Torre». Le condizioni del terreno di gioco peggiorano a vista d’occhio. A farne le spese è soprattutto Fabinho, beffato più volte (vedi gli stop) dagli imprevbedibili rimbalzi della sfera. Al 5′ Amelio lancia William, anticipato da Koprivec in uscita bassa. Al 12′ la combinazione campana viene riprosta, e tocca a Filipe chiudere il brasiliano (che poi si infortunerà: al suo posto Novothny) in calcio d’angolo. Occasioncine, più che vere e proprie chance di passare in vantaggio. Come il tiro al 15′ di Moscati: bordata da fuori che Volturo non fatica a bloccare.
16′ GOL PERUGIA Detto, fatto. Filipe accende la miccia e spara in porta dai venti, venticinque metri:  stavolta Volturo è battuto, biancorossi avanti 2-1.
17′ GOL PERUGIA Super Grifo: super Fabinho, che attrae su di sé due giocatori della Paganese e scarica a sinistra;  super Comotto, tutta la fascia a perdi fiato e palla al centro; e poi super Insigne, che spiazza Volturo e fa 3-1. Da manuale.
30′ Da brutto anatroccolo, nella prima frazione e a inizio ripresa, a cigno, in appena sessanta secondi. Dall’1-1 al doppio vantaggio grazie a un’intuizione di Filipe e a un’azione impeccabile di Fabinho-Comotto-Insigne. La partita cambia faccia in un amen. E il Perugia (ora le gambe sono decisamente più leggere) ci riprova: al 23′, con un dribbling-tiro di Moscati che però si spegne sul fondo. Insigne, alla mezz’ora, fa spazio a Sprocati.
46′ GOL PERUGIA Mazzeo si invola verso la porta, si porta la palla sul mancino e scarica di rabbia e precisione sul primo palo: poker Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.