mercoledì 30 settembre - Aggiornato alle 08:36

Olimpiadi di Tokyo rinviate al 2021. Il sogno svanito (per ora) degli umbri

Bacosi, Zaytsev, Foconi, Santarelli già col pass in tasca dovranno attendere un anno in più a causa dell’emergenza Coronavirus

Diana Bacosi, tiratrice nata a Città della Pieve, medaglia d'oro nello skeet a Rio 2016

Con le Olimpiadi di Tokyo 2021 che sono state ufficialmente rinviate al 2021, per il momento svanisce dunque il sogno a cinque cerchi degli sportivi italiani. E tra questi anche di tre atleti della nostra regione. Su tutti lo spoletino Ivan Zaytsev leader della nazionale azzurra di pallavolo guidata dal Ct Blengini, che vede nel suo ‘giro’ anche i giocatori della Sir Volley Perugia Max Colaci, Filippo Lanza e Roberto Russo. Sarebbe arrivato da protagonista in Giappone anche il fiorettista ternano (d’adozione) Alessio Foconi, già campione del mondo della specialità nel 2018 e d’Europa nel 2019. Una delle nostre punte di diamante, come lo spadista folignate Andrea Santarelli, medaglia d’argento a squadre (come la nazionale maschile di volley) con la selezione azzurra a Rio de Janeiro. Ma a guidare la fila e tentare uno straordinario bis olimpico sarebbe stata la pievese Diana Bacosi, oro nel 2016 nello skeet specialità del tiro a volo ed attuale campionessa mondiale. Per loro l’attesa si prolunga, ma la speranza è che la fiamma olimpica arda comunque con alle spalle il monte Fuji.

I commenti sono chiusi.