Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 28 ottobre - Aggiornato alle 09:28

Lungo week-end di fine estate: dai concerti alla Stravalnerina, cosa fare a Terni

Blumberg al Secci giovedì, tanti eventi tra venerdì sabato e domenica e poi l’Anfiteatro che chiude la stagione con Lodo e Bebo

 

Sono arrivate già le piogge ma di fatto l’estate terminerà nei prossimi giorni e allora quello alle porte è l’ultimo fine settimana della bella stagione. Dalla musica, passando per l’arte e per il volo, con interessanti opportunità sportive e qualche incursione green, nei prossimi cinque giorni, in quella che è stata definita una meta emergente da oscar da Volagratis.com, non ci si dovrebbe annoiare.  Ma andiamo con ordine.

17 settembre Giovedì sera alle 21.30 il Teatro Sergio Secci riaprirà le proprie porte alla città in occasione di un evento dal fascino unico: il pianista e compositore inglese Daniel Blumberg si esibirà in solo per un pubblico di sole cento persone. Blumberg, che vanta anche colonne sonore per giganti del cinema come Agnès Varda e Peter Strickland, è il primo artista internazionale a varcare la soglia della città dall’inizio della pandemia. L’evento, organizzato dal CAOS – Centro Arti Opificio Siri (Le Macchine Celibi) in collaborazione con Degustazioni Musicali, Ministero dell’Immaginazione Pubblica e Letz, vuol essere l’inaugurazione di una stagione di eventi a teatro che – pur nelle difficoltà legata alla capillare applicazione delle disposizioni anti-contagio – possa condurre sempre più persone a conoscere ed apprezzare il Teatro Comunale intitolato a Sergio Secci. On&On – seguito del debutto di Blumberg su Mute Records del 2018 – rappresenta il consolidamento dell’estetica decostruzionista dei brani che Blumberg ha sviluppato, operando tra strutture convenzionali e improvvisazione libera. Con questo nuovo lavoro, il musicista inglese va oltre, incorporando motivi proteiformi e talvolta dissolvendo i confini tra i brani. Il concerto di Daniel Blumberg apre così la stagione di un Teatro amato e rinnovato, dalla capienza assai ridotta ma aperto a eventi ed iniziative di ampio respiro che intendono coinvolgere tutta la cittadinanza.

CLT e Terni Rugby, tre open day ‘Giochiamo con la palla ovale’. Questo il nome dato all’open day organizzato da Terni Rugby e Circolo Lavoratori Terni (CLT) per tutti i bambini e le bambine che vorranno avvicinarsi al mini rugby. Tre giornate di prove gratuite organizzate da personale tecnico altamente qualificato. Venerdì 18 settembre dalle 16 alle 17.30 e sabato 19 settembre dalle 15.00 alle 17.30 l’appuntamento al CLT di via Muratori. Mentre venerdì 25 settembre dalle 17.00 alle 19.00 saranno aperti i cancelli del campo dei Draghi in via del Cardellino al quartiere Borgo Rivo. Per scegliere il giorno e prenotare la prova gratuita basta chiamare il numero 392/1010105. Terni Rugby e Circolo Lavoratori Terni mettono a disposizione dei bambini e delle bambine che vorranno avvicinarsi a questo splendido sport delle offerte mirate per l’avvio al minirugby partendo da zero. Gli Open Day si svolgeranno all’aperto e nel rispetto delle normative di sicurezza previste dai protocolli anti-Covid. Presenti naturalmente i tecnici delle due società che da tempo hanno avviato una stretta collaborazione mirata a garantire un’offerta di qualità a livello sportivo per tutti i ragazzi e le ragazze della comunità ternana. «L’obiettivo del Circolo Lavoratori Terni – afferma il presidente del CLT Giovanni Scordo – è quello di favorire l’avviamento e la pratica dello sport, soprattutto quello giovanile, consentendo la scelta più ampia possibile tra diverse discipline. La ripresa delle attività sportive – nel pieno rispetto delle disposizioni per il contenimento del Covid-19 come dimostrato dal grande successo dei Campus Estivi CLT – ci ha permesso di riavviare la collaborazione con il Terni Rugby, con cui negli ultimi mesi abbiamo progettato occasioni ludico sportive per migliorare il benessere psico-fisico dei nostri giovani, sulla base di una comune idea di sport come fonte di aggregazione sociale. Gli Open day dei prossimi giorni rappresentano proprio questo: la volontà di proseguire un percorso che ha già iniziato a dare i suoi frutti per un futuro sempre più ricco di soddisfazioni per entrambe le società sportive e la comunità ternana». Per il presidente del Terni Rugby, Fabrizio Campana: «Il progetto avviato tra Terni Rugby ed il Circolo Lavoratori Terni valorizza una realtà nata più di dieci anni fa grazie alla passione di un gruppo di persone che hanno creduto nell’obiettivo di voler ampliare l’offerta sportiva per le nuove generazioni, oggi quella passione ed il suo obiettivo sono state riconosciute come anche proprie dal Circolo Lavoratori Terni che nella sua importanza come istituto erogatore di servizi ha voluto credere nello stesso progetto. L’Open Day al CLT sarà un’ottima occasione per far conoscere alla città lo sport del rugby». Al termine della giornata, saranno regalati dei gadget ai partecipanti. Appuntamento quindi venerdì 18 e sabato 19 settembre al Circolo Lavoratori Terni e venerdì 25 settembre al campo dei Draghi in via del Cardellino nel quartiere Borgo Rivo. Basta chiamare il 392/1010105 e prenotare il giorno per la prova gratuita.

Aviosuperficie Ma il 19 e 20 settembre è anche il week-end del volo: si terrà presso l’Aviosuperficie Alvaro Leonardi di Terni , il raduno dell’ Historical Aircraft Group Italia, denominato ‘Ritrovo di fine estate’. Appassionati di aerei storici si ritroveranno presso la struttura per una due giorni all’insegna dell’amicizia, del volo, unita alla passione per gli aerei storici completamente ristrutturati e perfettamente funzionanti. Nel centro cittadino Umbria green festival e pedalata del comitato Mat.

Associazione Demetra Sabato 19 settembre dalle 17:30 il parco del Centro di Palmetta ospita l’evento conclusivo della prima residenza artistica di Radici. Giulia Pellegrini, gu mi e Francesco Re Li Calzi presentano i loro lavori realizzati durante le due settimane di permanenza. L’associazione Demetra che ha un’esperienza decennale nell’ambito del sostegno alla creatività attraverso festival, programmi di produzione e residenze artistiche, con il progetto Radici ha selezionato e invitato giovani artisti che si occupano nello specifico di pratiche artistiche inserite nel paesaggio. Due le altre residenze in programma fino a metà ottobre, con gli interventi nell’area verde del centro che porteranno alla creazione del primo parco cittadino di Land Art, un parco in continuo divenire, gratuito e aperto a tutti. L’albero atmosferico è il focus di questa prima residenza che ha visto anche la partecipazione di Andreco, artista affermato nell’ambito dell’arte ambientale, in qualità di tutor. Ciascun artista in questo periodo ha sviluppato il proprio progetto di ricerca: Giulia Pellegrini cerca di rendere visibile ciò che non è percepibile ai sensi, attraverso due interventi dalle distinte colorazioni in cui la foglia diventa protagonista. gu mi (Guido Mitidieri) presenta uno sguardo che ci pone davanti alle radici dell’(in)visibile. Una linea di sassi bianchi adorna oggi il giardino del Centro di Palmetta, alla quale fanno eco le innumerevoli linee blu che gu mi disegna con paziente disciplina. Francesco Re Li Calzi propone un’installazione che gioca con l’equilibrio dell’albero e le sue difficoltà, mettendo insieme un elemento materia sineddoche dell’albero che spinge verso il basso e un elemento aria che porta verso l’alto. L’esperimento è quello di annullare le forze in gioco, creando un livello zero in cui questo incontro possa avvenire senza la sopraffazione dell’uno o dell’altro. L’apertura sarà l’occasione anche per scoprire la nuova veste del Centro di Palmetta che in questi mesi insieme all’arte, sta portando avanti progetti di inclusione sociale come Orto21 e Communitas che hanno contribuito a rendere Radici un progetto sperimentale di arte sociale. Il progetto Radici è realizzato in collaborazione con Casa Laboratorio di Cenci, con il sostegno del MiBACT e di SIAE, nell’ambito del programma ‘Per Chi Crea’

Stravalnerina Country Edition Torna domenica 20 settembre invece la Stravalnerina organizzata dall’#iloverun Athletic Terni e sponsorizzata Bartolini con il supporto di Acea e Fondazione Carit. La “Stravalnerina Country Edition 2020” è stata organizzata nel rispetto del protocollo Fidal e di tutte le normative anti-Covid. La “Stravalnerina Country Edition” 2020 si correrà sulla distanza di 4 km lungo un tracciato interamente racchiuso nel territorio comunale di Arrone. La gara sarà a cronometro con partenze intervallate di 20 secondi come da regolamento Fidal. Partenza e arrivo dal campo sportivo di Arrone con il primo start che verrà dato alle ore 9. «Torniamo a correre in sicurezza – spiega il presidente dell’Athletic Terni, Leonardo Bordoni – sarà una Stravalnerina particolare visto che dobbiamo attenerci alle normative di sicurezza e ci sono tanti paletti da rispettare. Non ci sarà il percorso da 10 km ma una gara a cronometro su un tragitto di 4 km sempre nello splendido contesto paesaggistico della Valnerina. Dobbiamo ringraziare l’amministrazione e tutta la comunità di Arrone per la solita grande disponibilità. Sarà una giornata di festa e di gioia, un modo per tornare pian piano alla normalità anche dal punto di vista della competizione sportiva».

Lunedì 21 settembre A chiudere il lungo week-end ternano di fine estate, lunedì 21 settembre, in scena all’Anfiteatro romano, ancora ospiti del progetto Baravai, Lodovico ‘Lodo’ Guenzi e Alberto ‘Bebo’ Guidetti, rispettivamente voce e beatmaker de Lo Stato Sociale con uno spettacolo/reading dal titolo ‘Libertini invisibili’ che arriva in Umbria per la prima volta.vIn questo caso i due artisti si confrontano con la parola scritta e con due mostri sacri della letteratura italiana: Italo Calvino e Pier Vittorio Tondelli, alternando alla lettura dei due autori anche altri testi e poesie proprie, fino alla catarsi finale in dialogo e gioco con il pubblico. Dall’incontro impossibile tra il mondo sfacciato di Altri libertini e le raffinate fantasie combinatorie delle Città invisibili, nasce così un reading che suona come la musica dello Stato Sociale: imprevedibile, sfrontato, geniale. E per l’anfiteatro è tempi di bilancio ed è positivo: Più di duemila spettatori, suddivisi nei vari eventi, e grandi artisti della scena musicale e teatrale nazionale in un mese di eventi. Ad organizzare il tutto la cooperativa Macchine Celibi, in collaborazione con Letz Wine, FAT – Art Club, We Reading, Degustazioni Musicali, CAOS – Centro arti opificio siri ed Ephebia, per una iniziativa che ha visto la collaborazione del Comune di Terni. L’entusiasmo ora mette gli organizzatori al lavoro per programmare la stagione invernale e anche quella della prossima estate. Per lo spettacolo di lunedì 21 settembre ore 21:30, ingresso a biglietto 15 € + ddp. Biglietti disponibili in cassa o su: www.diyticket.it/events/Teatro/4047/lodo-guenzi-e-bebo-guidetti-lo-stato-sociale-libertini-invisibili. Contatti Facebook – www.facebook.com/baravai.anfiteatroromano/ Instagram – www.instagram.com/baravai.anfiteatro/.

I commenti sono chiusi.