mercoledì 20 febbraio - Aggiornato alle 23:35

Il Grifo espugna Lecce (3-4) e resta in vetta. Non per i deboli di cuore: si suda fino al 90′

Dan. Cib.

Scontro in Salento: scontro al vertice tra Lecce e Perugia, che alle 14.30 sono scesi in campo al «Via del Mare». Un vittoria dei giallorossi avrebbe riportato Miccoli e compagni in corsa per il titolo, ora affaire di coppia, Perugia-Frosinone. I grifoni dal canto loro hanno «due risultati buoni su tre», ha detto Camplone alla vigilia. Ma hanno giocato per vincere. In difesa, il tecnico rinuncia alla spinta di Conti e guadagna in copertura: Comotto si sistema a destra, Vitofrancesco si sistema sulla sinistra. Lerda dall’altra parte recupera Miccoli (in extremis) e gli affida il reparto avanzato. Titolare anche l’altro ex grifone, Ferreira Pinto.

Le interviste del postpartita

Timeline tutto il campionato dei Grifoni

Cento anni del Perugia calcio

LECCE (4-4-1-1): Perucchini; D’Ambrosio, Diniz, Abruzzese, Lopez; Doumbia, Salvi (1’st Beretta), Amodio, Ferreira Pinto (1’st Barraco); Bogliacino; Miccoli. A disp.: Caglioni, Salese, Vinetot, De Rose, Zigoni. All.: Lerda.
PERUGIA (4-3-3): Koprivec; Vitofrancesco, Massoni, Scognamiglio, Comotto; Moscati, Filipe (34’st Carcione), Nicco; Mazzeo (22’st Sprocati), Eusepi (36’st Henty), Fabinho. A disp.: Stillo, Conti, Sini, Barison. All.: Camplone.
RETI: 5’pt Eusepi (r), 25’pt Moscati, 43’pt Miccoli (r), 2’st Beretta, 6’st Scognamiglio, 6’st Sprocati, 42’st Zigoni.
ARBITRO: Giuseppe Cifelli di Campobasso.
NOTE: Ammoniti: D’Amborsio, Nicco, Scognamiglio, Sprocati, Eusepi. Espulsi: D’Ambrosio (24’st) per somma di ammonizioni.

TUTTO IL CAMPIONATO DEL GRIFO IN UN MINUTO. TIMELINE
100 ANNI DEL GRIFO. LE VIDEOINTERVISTE. WEBDOC

Primo tempo

1′ Partiti.
5′ GOL PERUGIA Rigore di Eusepi: Perucchini da un lato, palla dall’altro. Grifo in vantaggio al «Via del Mare».
10′ Lecce aggressivo fin da subito: pressing alto e marcature strette sugli uomini più vispi (e potenzialmente pericolosi) al soldo di Camplone. Uno di questi è Fabinho, che prima virgola su appoggio all’indietro di Eusepi. E che poi, appena sessanta secondi più tardi, aggredisce D’Ambrosio che nella propria area cincischia, finendo per travolgere il brasiliano: rigore. Dal dischetto Eusepi non sbaglia e porta i suoi avanti. Doumbia finisce a terra dopo un contatto con Vitofrancesco, Cifelli fa proseguire. Miccoli (15′) viene pescato in offside.
20′ Fabinho gioca a palla avvelenata in zona calda, il Lecce recupera e costringe Scognamiglio all’intervento-salvagente. Poi occasione, occasionissima del Grifo, che in ripartenza (Nicco, 17′) lancia Fabinho, ipnotizzato dall’uscita di Perucchini. Altro giro di lancette, altra chance del brasiliano, tradito in dribbling da una zolla del terreno (pesante) del «Via del Mare». I salentini provano a sfondare soprattutto sulle fasce, dalla parte di Doumbia e quindi di Vitofrancesco. Mazzeo aiuta e il Perugia sbroglia.
25′ GOL PERUGIA Mazzeo si libera di un avversario e lancia lungo per Fabinho, che inganna Diniz, lo punta e aspetta i compagni. Palla all’indietro per Eusepi che però fa velo. A rimorchio c’è Moscati: siluro all’incrocio dei pali e Grifo in raddoppio.
30′ La pressione dei padroni di casa non concede cali evidenti. Il Grifo ripiega (anche grazie all’aiuto degli attaccanti) e tiene botta. Fino alla rete del raddoppio, griffata Moscati.
40′ Ancora Doumbia, e ancora Lopez sulla fascia destra del Perugia. Il Lecce è tutto concentrato in quei pochi metri di campo. Vitofrancesco non fa sconti.  E non fa sconti neanche Filipe, che supera D’Ambrosio in corsa e potenza e che per poco non innesca l’azione del tris. Il Lecce intanto colleziona fuorigioco (tre: due di Miccoli, uno di Doumbia) e occasioni (solo) su palla inattiva, due di Miccoli. Nicco, diffidato, viene ammonito. Moscati scarica di destro su Perucchini (38′), corner. Miccoli, velenoso nell’uno contro uno, prova a pungere ma scognamiglio lo frena.
43′ GOL LECCE Rigore di Miccoli: Koprivec indovina, l’ex Perugia trova comunque l’angolino. Lecce 1, Perugia 2.
45’+2′ Koprivec controlla sopra la traversa un tiro-cross di Bogliacino. Cifelli non ravvisa un presunto fallo ai danni di Fabihno: sugli sviluppi, Doumbia si accende, entra in area, e costringe Vitofrancesco all’intervento da rigore. È Miccoli a riaprire la partita, dagli undici metri. Squadre negli spogliatoi sul 2-1

Secondo tempo

1′ Squadre in campo per la ripresa. Non cambia niente per il Perugia. Nel Lecce fuori Ferreira Pinto e Salvi per Barraco e Beretta.
2′ GOL LECCE Fiammata Lecce: Beretta gira in area ospite e insacca alle spalle di Koprivec. Lecce 2, Perugia 2.
6′ GOL PERUGIA Calcio d’angolo di Moscati, su tutti svetta Scognamiglio che (proprio come con Grosseto e Benevento) di testa gonfia la rete. Lecce 2, Perugia 3.
10′ Il tecnico del Lecce, Lerda, viene espulso per proteste. E altri minuti volano via. Dilapidato il doppio vantaggio, il Grifo adesso si fa sotto. Conquista un angolo. Porta gli uomini migliori in area locale. E trova un altro, pesante, pesantissimo gol di Scognamiglio.
20′ Si gioca sempre nello stesso fazzoletto di campo. Il tentativo di manovra locale si svolge solo e soltanto dalla parte di Doumbia. Dove Mazzeo fa tanta lega. Rinfoderato il fioretto, il fantasista corre e sgomita di sciabola che è un piacere. Però fatica. Grifo tutto rintanato nella propria metà campo: partita maschia e affannosa sempre, vibrante a momenti. Koprivec non trattiene un cross basso di Doumbia. E sul corner (Bogliacino, 18′) a momenti D’Ambrosio non va in rete. Miccoli (19′) cerca un improbo giro a volo dalla distanza.
30′ Esce Mazzeo, ormai allo stremo, entra Sprocati. Comotto libera su calcio d’angolo, il sesto per il Lecce. Nessun counterattack però: il Lecce offende e il Perugia difende, è questo il canovaccio. Almeno fino al 24′, quando D’Ambrosio, già ammonito, interviene su Comotto e per questo viene espulso. Sprocati calcia a centroarea, la difesa giallorossa ribatte. Al 28′ Nicco fallisce il 4-2, calciando alto da posizione favorevole.
31′ GOL PERUGIA Contropiede perfetto, e micidiale: Comotto per Fabinho, Fabinho per Sprocati, che in diagonale rasoterra fa 2-4.
40′ Arriva il momento di Imperio Carcione, all’esordio, che al 34′ rileva Filipe, e di Henty, che invece concede il cambio a Eusepi, appena ammonito. Il bello? È che dopo il 2-4 l’atteggiamento del Perugia non cambia: sempre attento, e paziente, il Grifo lascia scoprire il Lecce in attesa di un varco buono per colpire.
42′ GOL LECCE Il Perugia concede un cross facile a Doumbia: pennellata per Zigoni, che da due passi incorna in rete. Lecce 3, Perugia 4.
45’4’+ Non bastasse il gol di Zigoni, che improvvisamente riapre i giochi, ci pensa pure una percussione giallorossa al 90′ a testare le coronarie dei grifoni. Gli schemi saltano. E il Lecce offende in tutti i modi, con tutti gli uomini. Comotto, Scognamiglio e Massoni si travestono da Superman e chiudono ogni spazio agli avanti di casa. Il resto degli umbri va in confusione. Ma il fortino tiene. Manca un minuto. Carcione recupera. Trenta secondi. Koprivec in due tempi su conclusione dalla distanza. Basta così. Vince il Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.