mercoledì 30 settembre - Aggiornato alle 09:09

La Sir Volley Perugia pensa già al Tours: «Possiamo esprimerci ancora meglio»

Archiviato il vincente debutto in Champions, i Block Devils mettono nel mirino la prossima trasferta continentale. Parlano Colaci e De Cecco

Una bella ricezione di Max Colaci (foto Benda)

È già alle spalle la prima volta stagionale dei Block Devils in Champions League. La Sir Sicoma Monini Perugia ha conquistato il primo successo europeo dell’anno chiudendo 3-1 il match contro i portoghesi del Benfica Lisbona e adesso si prepara alla trasferta in Francia, in casa del Tours, gara in programma mercoledì alle 20.

Le parole del libero Max Colaci e di capitan De Cecco «Quella col Benfica era una partita facile solo per chi non conosceva l’avversario – dice Colaci – ma certo non per noi che lo avevamo studiato ed avevamo visto una squadra che gioca bene a pallavolo, che batte molto bene e che ha una ottima fase break soprattutto nella correlazione muro-difesa. E  credo che il Benfica abbia dimostrato in pieno il suo valore. È stata una partita difficile e sudata, ma che alla fine abbiamo meritato. Sappiamo che la Champions è una competizione difficile ed era importantissimo partire bene in casa. Sicuramente abbiamo battuto molto bene, soprattutto con Leon e Plotnytskyi, i servizi ci hanno portato tanti break e va bene così perché sappiamo che battere forte è una delle nostre armi. Adesso abbiamo giorni per caricare in sala pesi e lavorare sul campo, cosa che in questo periodo non abbiamo potuto fare praticamente mai e che a noi serve tanto». «Siamo stati bravi contro una squadra esperta, che gioca bene, che vende cara la pelle e che ha in campo dei gioca validi». È questo il pensiero di De Cecco sul match. Aggiunge il regista argentino. «Abbiamo faticato un po’ a ingranare, poi piano piano ci siamo sciolti ed abbiamo giocato meglio con Leon che ha fatto una bella differenza. Di certo possiamo esprimerci ancora meglio. Ci aspetta un dicembre impegnativo e sarebbe importante e bello finirlo nel migliore dei modi per passare le feste sereni e perché poi dopo si ricomincia con tante gare importanti da giocare nelle quali dovremo soffrire e stringere i denti».

I commenti sono chiusi.