Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 30 giugno - Aggiornato alle 21:25

La Nazionale DJ torna a Spello: prima l’amichevole allo stadio, poi la festa tra i Mosaici

Appuntamento per giovedì 4 agosto con i migliori dj d’Italia, ospiti della città delle Infiorate per porre l’attenzione sul problema del bullismo e il disagio giovanile, ma anche per far divertire dopo due anni di assenza

La serata del 2019

di Stefano Bagliani

Finalmente! Dopo due lunghissimi anni di assenza torna a Spello, nella serata di giovedì 4 agosto, l’appuntamento tanto atteso con la Nazionale Italiana DJ. La pandemia ha impedito nelle ultime due estati di poter vivere l’evento ma stavolta l’associazione Amici di Spello, guidata dall’instancabile presidente Gianluca Insinga, ha lavorato affinché si tornasse a ballare, a divertirsi, ma anche a giocare con la Nazionale DJ.

I perchè dell’evento Ci sarà divertimento, ma anche profonde riflessioni. Anche perché la serata ha lo scopo principale di far avvicinare i giovani alle tematiche sociali. Non a caso il titolo è «#ilbullononballa» e infatti si porrà l’attenzione sul problema del bullismo e il disagio giovanile. «Partecipo con entusiasmo a questa iniziativa così importante – ha spiegato Luca Massaccesi presidente dell’Osservatorio Nazionale sul Bullismo e disagio giovanile – è indispensabile comunicare con i giovani seguendo il linguaggio delle emozioni, eliminare la distanza tea gli adulti e i ragazzi, per poter dare un segnale profondo. Il nostro ente sarà presente a fianco del Comitato organizzatore ringraziandolo sin da ora per averci dato la possibilità di far sentire la nostra voce».

La partita di pallone Grande attesa per l’evento sportivo, ovvero la partita di calcio tra la Nazionale DJ e una rappresentativa dei commercianti di Spello che si disputerà allo stadio «XVI giugno» di Spello con inizio alle 18.

Poi tutti a ballare La presenza dei migliori DJ permetterà poi a tutti di ballare con le migliori musiche del momento e stavolta la sede prescelta è il parcheggio della Villa dei Mosaici, così da poter consentire un’immersione vera e propria anche nell’epoca romana proprio in una zona dove di feste di sicuro se ne facevano in quantità. «Siamo felicissimi – dice Insinga – di poter ripresentare un evento a cui siamo tanto legati. Tantissime persone, in questi mesi, hanno chiesto alla nostra associazione di poter riproporre questa serata e, grazie all’Amministrazione comunale e in particolare al sindaco Moreno Landrini e alla sua giunta, siano riusciti in questo intento trovando una location in grado di garantire maggiore sicurezza e più spazi».

 

I commenti sono chiusi.