mercoledì 12 dicembre - Aggiornato alle 15:26

Il Perugia di Camplone finalmente sorride: poker al Viareggio

di Giovanni Baricca

Qualche minuto a studiare l’avversario, mezz’ora buona di occasioni sciupate e poi via, a segnare. Una, due, tre, quattro volte. Il Perugia di Camplone trova il primo alloro in campionato: incassa un gol ma ne rifila quattro. Di sorprendente la rivelazione Viareggio porta al «Curi» solo l’arrendevolezza e l’incapacità di mettere in dubbio un risultato scritto a caratteri cubitali già nella prima frazione.

Le immagini della partita

Tattica e formazioni Sponda Grifo, dubbi sciolti in favore di Ciofani (preferito a Tozzi Borsoi) e Cacioli (per Jefferson, titolare a Sorrento). Cuoghi, di contro, tiene in panchina Magnaghi e affida l’attacco al duo De Vena-Giovinco. Tre-cinque-due per i toscani, quattro-tre-tre per i locali. Che al modulo “tutto esterni” delle zebre fanno buon viso: cercano la porta per vie centrali, in contropiede, e sulle corsie laterali vanno solo con azioni manovrate, mal sostenute dai terzini (bloccati oltremisura da Camplone) ma ordinatamente accompagnate dalle mezzali.

Le interviste post partita

Tanto Perugia, poco Viareggio La prima mezz’ora scorre via tra errori bianconeri, ripartenze dei grifoni e qualche occasione alle ortiche dei medesimi. Inizia Ciofani, che al 4’ ritocca sul fondo, di testa, un buon suggerimento di Esposito da calcio piazzato. Prosegue Fabinho, autentico faro del gioco umbro nella prima frazione: dribbling utili e vincenti, tagli al centro e lungo l’out, e poi cross, tanti, di cui un ariete come l’ex Gubbio ha un disperato bisogno. Il verdeoro si accende al 23’, Ciofani sbaglia; fa il bis un minuto più tardi, e stavolta è Politano a non azzeccare la deviazione; si ripete in azione personale alla mezz’ora, e viene steso in area da Gazzoli (Giovani lascia proseguire). Nel mezzo, briciole di Viareggio. Costretto a concludere dalla distanza o con manovre macchinose, sporche, mai davvero pericolose per i padroni di casa. L’opportunità più clamorosa è di Pizza (6’) che però trova solo i cartellon i pubblicitari.

Perugia in vantaggio «È maturo!» strillano in Curva, sottintendendo il tempo di passare in vantaggio. E il Grifo ascolta: Politano scodella da destra, Ciofani, sottomisura, marcato male da Carnessalini, non sbaglia. Uno a zero. Chiude la frazione una bordata sfortunata di Politano, alle stelle. Quando le squadre tornano in campo cambia poco, solo un interprete del 3-5-2 bianconero (Sandrini per Fiale). Per il resto (leggi: inerzia di una gara sempre più a tinte biancorosse) resta tutto invariato. Cross di Moscati, mezzo autogol di Peverelli, manona salvatutto di Gazzoli, tap-in in porta di Fabinho, chiuso.

Partita chiusa Ci mette poco il Perugia a chiudere la gara, pure meno di un quarto d’ora. I grifoni raddoppiano con Politano (11’: cross di Martella, tiro respinto da Gazzoli che stavolta, però, alla susseguente ribattuta del baby fenomeno deve inchinarsi) e triplicano con Moscati (13’: one man show in area di Fabinho, piattone della mezzala dal limite, palla in rete).

Poker biancorosso Gli ospiti si svegliano solo a questo punto, quando ormai è tutto perso o giù di lì: ci provano prima con Sorbo, che al 20’ corregge in porta un cross di Pizza, trovando però i guantoni di Koprivec, e ci riprovano con Giovinco, su punizione, ancora chiuso (in tuffo) dall’estremo difensore. Ma è troppo poco. E il Perugia cala il poker, con Ciofani, imbeccato da Politano dopo un buon break a centrocampo di Esposito. Il Viareggio trova il gol della bandiera al 42’, con Sorbo, e pure un rigore, nel finale, grazie al mani in area di Cacioli che però non cambia il risultato: Calamai si lascia ipnotizzare da Koprivec e fallisce il colpo di un inutile quanto immeritato 4-2. Viareggio a casa; Grifo sugli scudi, a festeggiare la prima vittoria dell’era Camplone.

Tabellino

PERUGIA (4-3-3):
Koprivec; Anania, Cacioli, Russo, Martella; Moscati, Esposito, Cenciarelli; Politano (38’st Barra), Ciofani (38’st Tozzi Borsoi), Fabinho (47’st Moneti). A disp.: Pinti, Jefferson, Lebran, Paonessa. All.: Camplone.

VIAREGGIO (3-5-2):
Gazzoli; Sorbo, Peverelli, Fiale (1’st Sandrini); Carnesalini, Pizza, Lamorte (14’st Conson), Giovinco, Anedda (10’st Magnaghi); Calamai, De Vena. A disp.: Furlan, Trocar, Gemignani, Gerevini. Allenatore: Stefano Cuoghi.Magnaghi. All.: Cuoghi.

ARBITRO: Stefano Giovani di Grosseto.
RETI: 40’pt Ciofani, 11’st Politano,, 13’st Moscati 35’st Ciofani, 42’ Sorbo.
NOTE: spettatori 5000 circa, di cui 50 provenienti da Viareggio. Ammoniti: Pizza. Angoli: 10-3 per il Perugia. Recuperi: 0’pt, 4’st.

Una replica a “Il Perugia di Camplone finalmente sorride: poker al Viareggio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.