Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 27 gennaio - Aggiornato alle 21:17

Il Grifo apre il 2021 alla grande, colpaccio in casa del Matelica

Murano, Minesso e il neo acquisto Vano in gol (3-1), prestazione solida sotto tutti i punti di vista. E il 4-3-3 è promosso. Vetta sempre più nel mirino

IL terreno di gioco prima del via

di Daniele Sborzacchi

Il Grifo di Fabio Caserta inizia il 2021 come aveva chiuso il 2020. Vincendo. Tre punti a dir poco preziosi a Macerata, in casa della matricola Matelica, al termine di una sfida intensa e ricca di agonismo che proietta i biancorossi sempre più vicini alla vetta. Prestazione di concretezza, concentrazione e determinazine per i Grifoni, con il neo acquisto Vano subito in gol (rigore), Minesso che si conferma (segnando ancora di testa) e Murano che apre le danze. Ma soprattutto con un 4-3-3 che è apparso subito equilibrato e molto lineare (Elia padrone della fascia destra).

VIDEO – Mariano e Sborzacchi: Perugia camaleonte, sarà una strategia?

La partita Un match frizzante dicevamo, malgrado il campo di gioco pesante. Con i padroni di casa subito incisivi con Moretti (respinta di Fulignati) e un paio di conclusioni fuori misura di Volpicelli, guizzante e propositivo. Il Perugia ha il merito di colpire al primo affondo, con Elia bravo a liberarsi e vedere sul secondo palo Murano, abile a spingere in rete il pallone del vantaggio. Si mette subito bene insomma per il Grifo, che però subisce il pari su calcio piazzato. E’ ancora Volpicelli, col sinistro, a disegnare una splendida traiettoria che porta la sfera all’incrocio con Fulignati impotente. Caserta sprona i suoi, Melchiorri sino a quel momento poco presente guadagna spazio e prova il traversone in area; la palla si impenna con la difesa marchigiana disattenta nel consentire a Minesso l’incornata vincente. Grande ritmo anche nella ripresa, con il Perugia che sfiora il tris in un paio di nitide occasioni. Prima con Minesso ben servito dal funambolico Elia (Cardinali respinge), poi con Melchiorri che su pallone invitante di Moscati non riesce a superare di testa il portiere dei locali. Debutta Vano che appena entrato si prende il cartellino giallo (sbracciata vistosa), Caserta è costretto a togliere infatti proprio Melchiorri per infortunio e lancia anche Sounas e Kouan per dare più fosforo in mediana. Il Matelica tenta il tutto per tutto e lascia praterie per i contropiede, il Grifo riesce a concretizzare solo nel finale col rigore trasformato da Vano (prima destro di Kouan fuori, Murano non arriva sul traversone di Elia) e si prende una vittoria importantissima. Domenica al Curi si chiude il girone di andata contro la Feralpi Salò.

Matelica – Perugia 1-3
MATELICA (4-3-3): Cardinali; Fracassini, Cason (32′ st Barbarossa), De Santis, Magri (30′ st Maurizii); Bordo, Pizzutelli, Balestrero (30′ st Alberti); Volpicelli (32′ st Leonetti), Moretti, Franchi (8′ st Peroni). A disp.: Martorel, Puddu, Di Renzo, Santamarianova, Baraboglia, Calcagni, Masini. All.: Colavitto
PERUGIA (4-3-3): Fulignati; Elia, Angella, Sgarbi, Crialese (29′ st Favalli); Moscati (22′ st Kouan), Burrai (22′ st Sounas), Vanbaleghem; Minesso (40′ st Falzerano), Melchiorri (22′ st Vano), Murano. A disp.: Bocci, Baiocco, Rosi, Monaco, Konate, Lunghi, Negro. All.: Caserta
ARBITRO: Carrione di Castellammare di Stabia (assistenti Dell’Orco-Votta, IV ufficiale Scatena)
MARCATORI: 11′ pt Murano (P), 22′ pt Volpicelli (M), 32′ pt Minesso (P), 43′ st rig. Vano (P)
NOTE: Ammoniti Crialese (P), Elia (P), De Santis (M), Vano (P), Moretti (M)

I commenti sono chiusi.