Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 15 aprile - Aggiornato alle 01:45

Giro d’Italia, un arrivo di tappa a Foligno ed una partenza da Perugia

Svelato il tracciato della edizione nr. 104 della Corsa Rosa, che torna in Umbria a distanza di tre anni

Il trofeo che spetterà al vincitore del Giro d'Italia (foto profilo Facebook Giro d'Italia)

Il Giro d’Italia torna in Umbria. Grande gioia per tutti gli appassionati della corsa rosa che potranno così ammirare da vicino le gesta dei propri beniamini a distanza di tre anni dall’ultima volta, quando la carovana del Giro fu protagonista nella nostra regione con un arrivo a Gualdo Tadino ed una partenza da Assisi. L’edizione nr. 104 della corsa rosa avrà una tappa con arrivo a Foligno, il 17 maggio (partenza da L’Aquila per 140 km) e quella successiva, la tappa nr.11 in programma il 19 maggio, con partenza da Perugia ed arrivo a Montalcino (totale di 163 km), in Toscana. Il velo è caduto durante la presentazione ufficiale della manifestazione, nella quale sono state illustrate caratteristiche del percorso e peculiarità del tracciato.

https://twitter.com/giroditalia/status/1364601019032891394

Che evento Il campo di partecipazione sarà di altissimo livello: saranno ben 23 squadre per un totale di 184 corridori al via, previsto per sabato 8 maggio a Torino. La star sarà senza dubbio Egan Bernal, vincitore del Tour 2019. Ci sarà anche Vincenzo Nibali che a 36 anni cercherà l’impresa di cogliere la terza maglia rosa di una carriera strepitosa. Nel lotto anche il formidabile belga Remco Evenepoel, i francesi Thibaut Pinot e Romain Bardet, lo slovacco Peter Sagan.

La soddisfazione “La partecipazione di Perugia al Giro d’Italia 2021 – dichiara l’Assessore allo Sport Clara Pastorelli – è per l’amministrazione comunale motivo di grande orgoglio. Sarà una vetrina importante per tutta la città, che in due giorni potrà ritagliarsi uno spazio significato in termini di visibilità all’interno dei network nazionali ed internazionali e dare soddisfazione ai tanti appassioni presenti nel territorio locale. Il tutto, chiaramente, si svolgerà nel rispetto dei protocolli legati all’emergenza sanitaria. La sicurezza di atleti, staff e del gruppo di lavoro, sarà chiaramente garantita da continui controlli e dalla presenza in aree appositamente riservate e protette, evitando pericolosi assembramenti. Dopo 25 anni Perugia potrà finalmente riabbracciare il Giro d’Italia e la sosta di un giorno all’interno delle strutture ricettive cittadine, sarà motivo di stimolo e di ripresa anche per le stesse aziende e in generale per il movimento economico del territorio”.

I commenti sono chiusi.