domenica 5 aprile - Aggiornato alle 09:17

Falzerano: «Le esclusioni? Sempre rispettato il gruppo. Se riprendiamo possiamo giocarci i playoff»

Il centrocampista del Perugia: «Oddo e Cosmi hanno caratteri diversi, adesso in questa situazione di emergenza l’obiettivo principale è tornare ad allenarsi»

Marcello Falzerano centrocampista del Perugia

Marcello Falzerano era stato al centro di un piccolo caso, poco prima dello stop alla serie B imposta dall’emergenza Coronavirus. Non venne convocato da Cosmi per due gare consecutive, scelta che fece discutere e sulla quale lo stesso centrocampista non aggiunge nuovi elementi. «C’è poco da dire. Ho letto le risposte di tecnico e presidente, non smentisco, dico solo che ho sempre rispettato il gruppo e chi lo guida». In una lunga intervista rilasciata a Il Messaggero, l’ex veneziano affronta tutti i temi legati al Perugia, ed ovviamente alla stretta attualità. «Non si capisce se e quando si potrà riprendere e finisci per perdere di vista l’obiettivo principale che prima erano i playoff, ora è diventato tornare ad allenarsi», prosegue il giocatore che ha vestito anche la casacca del Gubbio. E le scelte di Cosmi? «A centrocampo non mi sento un adattato, sono una mezzala atipica ma sento il ruolo mio. Anche a Venezia sono andato bene nel 3-5-2. E il modo in cui Cosmi interpreta il modulo ci si avvicina molto». Focus poi sul periodo maledetto, con cinque sconfitte consecutive e poi la vittoria preziosa sulla Salernitana. «Siamo un gruppo positivo, di bravi ragazzi. Dalla crisi non siamo ancora usciti, abbiamo ottenuto una vittoria ma in classifica siamo ancora lì quando gli obiettivi erano ben altri. Dobbiamo fare di più e lo sappiano». Anche per una tifoseria che vi è sempre stata vicina. «A Perugia sono troppo felice. Avverto il fatto che i tifosi mi vogliono bene e mi fa molto piacere – continua Falzerano -. Cosa è cambiato da Oddo a Cosmi? «Hanno caratteri e personalità diverse. Oddo stava più sulle sue, Cosmi non ti fa sentire la differenza di ruolo. Sul campo con Oddo c’era più lavoro senza palla, con Cosmi facciamo tutto con il pallone. Dove possiamo arrivare? Potremmo giocarci i playoff ma solo entrando in campo con lo spirito della partita con la Salernitana».

 

I commenti sono chiusi.