lunedì 22 aprile - Aggiornato alle 14:31

Esplode la festa, Bartoccini Perugia in A1 otto anni dopo l’addio alla mitica Sirio

Successo al cardiopalma ad Orvieto e promozione meritatissima per le ‘magliette nere’, che riportano il volley femminile del capoluogo nella massima serie

Il gruppo della Bartoccini, promosso in A1

di Daniele Sborzacchi

Il sogno è diventato realtà. Il sogno delle ‘magliette nere’, le giocatrici della Bartoccini Perugia, è realizzato grazie all’ultimo squillo di una stagione estenuante, la vittoria nel derby umbro in casa della Zambelli Orvieto. Esplode la festa promozione per il team di Fabio Bovari, che riporta così la pallavolo femminile perugina in serie A1 ad otto anni dall’ultima apparizione nella massima categoria di una formazione ‘rosa’ del capoluogo umbro. E che formazione… Niente meno che la gloriosa Sirio Perugia capace di vincere dal 1991 al 2011, in 20 anni, ben tre Scudetti, due Champions League, cinque Coppe Italia, una Coppa delle Copppe e due Coppe Cev. Un traguardo straordinario quello tagliato dalla Bartoccini, che solo un anno fa aveva partecipato, tramite ripescaggio, al primo campionato di A2 della sua storia. Una salvezza tribolata, che però è servita d’ispirazione per la strepitosa stagione attuale, con Casillo e compagne autrici di un’ottima regular season e quindi di una eccezionale Poule Promozione, condotta dall’inizio alla fine rintuzzando gli attacchi del Trento, avversario di grandissimo valore.  Il prossimo anno allora gli appassionati perugini di volley potranno sbizzarrirsi con le gesta di Sir e Bartoccini nella massima serie, per una città che torna ad essere ‘Caput Volley’ come qualche anno fa ebbe a titolare il glorioso quotidiano regionale Il Giornale dell’Umbria. Per le rupestri, centrato l’obiettivo dei playoff. Per la serie: festa doppia.

L’ultima fatica Presentatasi al PalaPapini di Orvieto con un punto di vantaggio su Trento, impegnata a sua volta a Mondovì (e poi vittoriosa 3-1) nell’ultima giornata di Poule Promozione, la Bartoccini ha sofferto non poco anche a causa della tensione, le prime fasi del match di Orvieto. Le ‘Tigri’ gialloverdi, in settimana caricate alla grande dal patron Flavio Zambelli, hanno sciorinato una grande prestazione prendendosi il parziale d’apertura. Da quel momento in poi, le ragazze di Fabio Bovari hanno aumentato i giri del motore, con Irina Smirnova tornata quella dei tempi migliori e Pascucci autentica trascinatrice. Secondo set vinto di prepotenza, poi sfida nuovamente in equilibrio ed un terzo parziale al cardiopalmo, con Decortes che trascina le orvietane riportandole avanti. Perugia però non molla, con Pietrelli e Pascucci super in attacco ed il libero Bruno capace di salvare palle incredibili: è tie-break. Dove la grinta delle perugine si fa valere, per una giornata difficile da dimenticare.

ORVIETO – PERUGIA 2-3
(25-17, 22-25, 25-23, 20-25, 11-15)
ORVIETO: Montani 13, Ciarrocchi 10, D’Odorico 20, Prandi 4, Decortes 23, Bussoli 8, Ciarrocchi (L), Mucciola 1, Kantor. ALl.: Solforati
PERUGIA: Casillo 11, Pietrelli 14, Kotlar 7, Pascucci 21, Smirnova 27, Demichelis 3, Bruno (L), Donà. Ne Gierek, Santibacci, Marchi, Fastellini. All.: Bovari

I commenti sono chiusi.