Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 7 ottobre - Aggiornato alle 05:40

Cremonese-Ternana 3-2, i rossoverdi perdono il ‘derby d’acciaio’ e escono dalla Coppa Italia

Ennesimi problemi di tenuta difensiva per le Fere, non bastano Rovaglia e Palumbo. Lucarelli: «La prestazione c’è stata, Rovaglia scelta azzeccata»

di Federico Bobbi

Prima uscita ufficiale in stagione per la Ternana targata 2022/23. I rossoverdi sono impegnati nei trentaduesimi di Coppa Italia Frecciarossa contro la Cremonese sul neutro del ‘Mazza’ di Ferrara. Assente Donnarumma, Lucarelli sorprende tutti schierando Rovaglia titolare come terminale offensivo lasciando in panchina Ferrante e Spalluto. Per il resto formazione tipo con Pettinari e Partipilo mezze punte. Di contro, i grigiorossi si affidano al tridente Zanimacchia dietro alla coppia Okereke-Tsadjout. Da segnalare un centinaio di tifosi rossoverdi al seguito.

La prima frazione Dopo una fase iniziale di studio, la Ternana si affaccia in avanti al 7′ con un calcio d’angolo calciato da Palumbo e agganciato in area da Pettinari che però non riesce ad andare al tiro. Conclusione che arriva un paio di minuti dopo con Di Tacchio ma senza inquadrare lo specchio. Al 10′ occasionissima per le Fere con Partipilo il quale a tu per tu con Radu calcia alto praticamente un rigore in movimento. La risposta della Cremonese arriva al quarto d’ora ed è decisiva: serpentina di Zanimacchia al limite dell’area che mette al centro per Tsadjout, il 99 con una sorta di scorpione trova l’angolino dopo la deviazione decisiva di Bogdan. Al 21′ altra azione personale di Zanimacchia che si libera di un paio di giocatori rossoverdi e va al tiro mancino, la sfera deviata termina in corner. Sugli sviluppi dello stesso arriva il raddoppio dei grigiorossi con un colpo di testa vincente di Okereke dopo aver sovrastato Ghiringhelli. Alla mezz’ora cross interessante dalla destra dell’ex Sernicola per l’incornata di Okereke che termina alta, poco dopo è ancora il numero 74 a rendersi pericoloso con un tiro di punta respinto bene da Iannarilli. Sul finale di primo tempo si accende Pettinari con un destro che lambisce il palo alla sinistra di Radu e termina sul fondo. Nel recupero botta mancina di Castagnetti da fuori area, Iannarilli para in due tempi. La prima frazione si chiude 2-0.

La ripresa Nel secondo tempo nessun cambio almeno all’inizio ed è Rovaglia al 9′ ad andare in rete per la Ternana alla prima da titolare tra i ‘grandi’: sugli sviluppi di una punizione laterale messa al centro da Palumbo spizzata di Ghiringhelli e incornata vincente sotto porta del numero 15. Dopo appena tre minuti i rossoverdi pareggiano la contesa con Palumbo che si incunea in area e con una botta di sinistro trafigge Radu sul primo palo. Nemmeno il tempo di esultare però che la Cremonese si riporta in vantaggio al 60′ con il neo entrato Quagliata: il numero 33 approfitta di una spizzata errata della retroguardia rossoverde e di sinistro batte uno Iannarilli non proprio impeccabile. Al 65′ ancora grigiorossi vicini alla rete con la conclusione di Acella respinta in corner dall’estremo difensore umbro. A 15′ dalla fine ci prova dalla distanza Martella con un mancino deviato in corner da Radu, poco dopo Palumbo colpisce una traversa clamorosa direttamente da calcio di punizione. A 10′ dal termine occasione Cremonese con Vasquez che per poco non approfitta di una disattenzione in area rossoverde. Nei cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara non accade molto, il ‘derby d’acciaio’ va alla Cremonese e i rossoverdi salutano la Coppa Italia.

Le parole di Lucarelli e Bandecchi nel post partita Al termine del match queste le dichiarazioni del tecnico rossoverde Cristiano Lucarelli: «Per quello che si è visto in campo poteva andare diversamente, abbiamo avuto delle occasioni per andare in vantaggio ma poi abbiamo commesso delle ingenuità. Nella ripresa ha giocato solo la Ternana, potevamo pareggiare la partita. La prestazione c’è stata, il risultato non ci sorride quindi dobbiamo continuare a lavorare. Rovaglia è stata una scelta azzeccata, ha fatto gol e sono contento per lui. Domenica affronteremo l’Ascoli, una squadra forte che nel precampionato ha vinto a Venezia in Coppa e contro la Roma in amichevole. Dovremo fare la partita perfetta in un momento della stagione in cui non è semplice. Dispiace per i tifosi, passando oggi potevamo cullare il sogno di andare a giocare a Napoli dopo una eventuale vittoria con il Modena. Ci danno sempre il loro apporto, volevamo regalargli una bella serata ma purtroppo non ci siamo riusciti». Soft il patron della Ternana Stefano Bandecchi che come di consueto ha parlato tramite il suo canale Instagram: «Per un attimo ho temuto che alla fine riuscissimo a pareggiare la partita o peggio ancora a vincerla, pensate che disastro sarebbe successo. L’anno scorso abbiamo vinto col Bologna, meno male che quest’anno ci è andata bene. Abbiamo fatto il risultato che dovevamo fare e abbiamo visto anche qualcosa di interessante. Il campionato inizia il 13, per noi il 14».

TABELLINO

CREMONESE-TERNANA 3-2 (2-0 p.t.)

CREMONESE (3-4-1-2): Radu; Sernicola, Chiriches, Vasquez; Ghiglione (dal 35′ st Bianchetti), Pickel, Castagnetti (dal 17′ st Acella), Valeri (dal 13′ st Quagliata); Zanimacchia; Okereke (dal 13′ st Bonaiuto), Tsadjout (dal 35′ Ciofani). A disp.: Ciezkowski, Sarr, Di Carmine, Bartolomei, Tenkorang, Ndiaye, Milanese. All.: Alvini.

TERNANA (4-3-2-1): Iannarilli; Ghiringhelli (dal 25′ st Defendi), Bogdan, Capuano, Martella (dal 32′ st Corrado); Agazzi (dal 35′ st Capanni), Di Tacchio (dal 25′ st Proietti), Palumbo; Partipilo, Pettinari; Rovaglia (dal 25′ st Ferrante). A disp.: Krapikas, Vitali, Sorense, Spalluto, Paghera, Diakite, Celli. All.: Lucarelli.

ARBITRO: Antonio Giua di Olbia (Trasciatti-Scatrigli)

MARCATORI: 15′ pt aut. Bogdan (C), 23′ pt Okereke (C), 9′ st Rovaglia (T), 12′ st Palumbo (T), 15′ st Quagliata (C)

AMMONITI: Di Tacchio, Ghiringhelli, Palumbo (T) e Chiriches, Sernicola, Quagliata (C)

I commenti sono chiusi.