Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 24 ottobre - Aggiornato alle 11:02

Comotto striglia il Perugia: «Il calcio è motivazione e voglia di lottare»

Dopo la pesante sconfitta di Mantova parla il direttore generale: «Approccio sbagliato, ai tifosi dico che stiamo lavorando per tornare dove tutti vogliamo»

Gianluca Comotto e il president Massimiliano Santopadre

Dopo la debacle di Mantova, con il Perugia travolto dai virgiliani 5-1, prende la parola il direttore generale Gianluca Comotto. A ‘Pallonate’ più volte Mario Mariano e Daniele Sborzacchi avevano invocato una presa di posizione da parte della società, troppo silenziosa in questa fase storica del Grifo dopo la retrocessione in serie C. L’ex difensore biancorosso, adesso dirigente di rilievo del sodalizio di Santopadre, non si tira indietro. «Abbiamo sbagliato completamente approccio, lo si è notato sin dal primo passaggio – commenta Comotto in conferenza stampa -. Adesso però possiamo e dobbiamo uscire da questa situazione. In primis dimenticando quello che è accaduta la scora stagione, mettendo da parte le ansie che derivano dalla retrocessione. La società ha voluto dare una sterzata, le colpe sono di tutti. Chi voleva rimanere lo ha fatto con la giusta convizione quindi ora si deve lavorare e basta». Chiaro che l’inizio di campionato non sta proprio andando come si pensava, con 4 punti in 4 gare. «Il calcio è soprattutto voglia di lottare e questo dovrà dimostrare la squadra. Il mister Caserta non ha fiducia a termine, sono anzi sicuro che ci riporterà in serie B». Infine un messaggio ai tifosi: «Stiamo lavorando per riportare il Perugia dove tutti pensiamo e vogliamo».

VIDEO – Mariano e Sborzacchi: cosa succede al Perugia? Servono risposte

I commenti sono chiusi.