mercoledì 23 gennaio - Aggiornato alle 08:37

Tonfo Perugia a Catanzaro, le aquile volano i grifoni cadono: finisce 1-0 al Ceravolo

Settecento e cinquantotto chilometri di passione pura. Settecento e cinquantotto chilometri – tanti separano Perugia e Catanzaro – colmati sabato in aereo con l’obiettivo: tornare a punti. Possibilmente tre, che al Grifo mancano da altrettante settimane. Nella valigia da disfare al Ceravolo Camplone porta una certezza, la linea a quattro difensori Comotto-Massoni-Scognamiglio-Sini, e un paio di dubbi, da sciogliere all’ultimo anche in nome della pretattica. Innanzitutto Sprocati, che giovedì aveva accusato qualche fastidio e che quindi non si era potuto allenare. Allarme rientrato, pare. E infatti l’esterno (riaggregato già venerdì) potrebbe essere impiegato fin da subito nel tridente con Mazzeo (oppure Eusepi) punta centrale e Fabinho opposto a sinistra. Poi Carcione, forse in campo per Filipe, che in questo caso subirebbe la prima esclusione per scelta tecnica dall’undici titolare. L’altra incognita, l’ultima, riguarda l’impiego-non impiego di Sanseverino: la mezzala finirà di nuovo in panchina? Alle 14.30 la diretta.
Aggiornamento 14.30 Gioca Carcione, non Sprocati.

FOTOGALLERY DELLA GARA

Il campionato del Perugia in un minuto, TIMELINE
Cento anni di Grifo, VIDEOINTERVISTE e WEBDOC

CATANZARO (3-4-1-2): Bindi; Bacchetti, Ferraro, Sabatino; Marchi, Vacca, Vitiello, Benedetti; Russotto (36’st Martignago); Madonia (27’st Morosini), Germinale. A disp.: Scuffia, Rosania, Catacchini, Casini, Fioretti. All.: Brevi.
PERUGIA (4-3-3): Koprivec; Comotto, Massoni, Scognamiglio, Sini; Moscati (1’st Vitofrancesco), Carcione, Nicco (1’st Sprocati); Mazzeo, Eusepi (32’st Henty), Fabinho. A disp.: Stillo, Conti, Filipe, Sanseverino. All.: Camplone.
ARBITRO: Luca Sacchi di Macerata.
RETI: 15’pt Marchi.
NOTE: Ammoniti: Carcione, Bindi. Espulsi: nessuno. Angoli: 5-3. Recuperi: pt 1′, st 3′.

Primo tempo

1′ Partiti!
10′ «Trovare un amico è così raro come trovare una giornata senza vento a Catanzaro», dicono da queste parti. E infatti al Ceravolo il vento soffia e pure forte. Due conclusioni in quattro minuti e poco più per il Perugia: prima Mazzeo (blocca Bindi) , poi Moscati (alto sopra la traversa). Perugia vispo, propositivo. Catanzaro attento e pronto a ripartire.
15′ GOL CATANZARO Corner giallorosso: Koprivec esce a vuoto, Marchi insacca senza problemi. Catanzaro vicino alla rete già pochi istanti prima,  con Massoni decisivo a chiudere in angolo la conclusione a due passi da Benedetti. L’unica risposta del Perugia è un’inzuccata (fondo) di Moscati al 20′.
30′ Il Perugia fatica a trovare gli spazi. La rete di Marchi congela le gambe e abbassa i ritmi. Il Catanzaro si chiude: soltanto Eusepi (26′) sembra infilarsi nel corridoio giusto… poi la difesa giallorossa sbroglia e chiude ancora la via. Mediana lenta, quella degli umbri, esterni inconcludenti.
45’+1′ Al 33′ si iscrive anche Nicco al club di quelli che «Vorrei ma non posso». La mezzala raccoglie di testa un traversone da calcio piazzato di Carcione, non riuscendo però a imprimere al pallone la giusta forza. Per il resto tanta fuffa: giocate lente e prevedibili, e pure un po’ di nervosismo in fase passiva. Anzi, le aquile trovano persino un paio di contropiede interessanti, a salvare i biancorossi è solo l’imprecisione degli avanti di casa. Finisce qui la prima frazione. Con il Grifo sotto di un gol. Il Frosinone, intanto, in superiorità numerica, vince 1-0 contro il Grosseto.

Secondo tempo

1′ Squadre in campo per la ripresa. Brevi non cambia, Camplone richiama entrambe le mezali, Nicco e Moscati, e al loro posto inserisce Vitofrancesco e Sprocati. Quattro-due-tre-uno, quindi, con «Vito» e Camplone mediani, Sprocati, Mazzeo e Fabinho sulla trequarti alle spalle dell’unica punta, Eusepi.
10′ Aumenta la pressione del Perugia sul Catanzaro. Manca ancora la precisione, però. E mancano anche le idee di Mazzeo, incappato in un’autentica giornataccia. Zero spazi e zero occasioni, fino a questo punto. Eusepi resta isolato. Fabinho, prevedibile, viene fermato botta su botta dall’avversario diretto di turno.
20′ Grifoni sempre, e ancora, secondi sul pallone. Non ce n’è, non così. Il Perugia ha un disperato bisogno di un episodio favorevole. Il canovaccio, però, è dei peggiori: giocate improvvissate, ritmi blandi, errori anche nei frangenti più favorevoli.
30′ Brevi richiama in panchina Madonia e butta in mischia Morosini. Come a dire: baricentro sempre più basso, fortino sempre più solido e difficile da sfondare. L’unica azione del Perugia alla mezz’ora? Corner Fabinho, uscita coi pugni, ad allontanare, dell’estremo difensore giallorosso. Stop. Nel frattempo fuori Mazzeo (impalpabile), dentro Hnety, che va a sinistra. Dietro a Eusepi, adesso, si sistema Fabinho.
45′ È un assedio, ma il Grifo manovra per vie orizzontali. Finalmente si arriva al tiro: Sprocati (37′) gira in porta da distanza impossibile, Bindi si allunga e respinge di pugno. Occasionissima al 41′: Fabinho calcia una punizione interessante, Scognamiglio devia di testa ma Bindi è bravo, bravissimo (purtroppo) a correggere in calcio d’angolo. Di nuovo: stop, niente di più niente di meno, e  sarebbe difficile… Finisce 1-0 per il Catanzaro al Ceravolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.