mercoledì 22 novembre - Aggiornato alle 19:11

Bocce: titoli italiani giovanili per i talenti Franceschini, Picchio e Cerqueglini

A Jesi risultato storico per il Comitato di Perugia, nel carniere anche due bronzi con Busti e Stefanetti. Rossi: «Tutto il movimento trae giovamento»

Da sinistra Gilda Franceschini, Laura Picchio e Giordano Cerqueglini

Straordinaria affermazione a livello nazionale del Co​​mitato Provinciale di Perugia della Federazione Italiana bocce, che ai campionati italiani giovanili di Jesi porta a casa addirittura tre titoli nazionali e due terzi posti, bottino mai registrato prima che fa ben sperare per il futuro del movimento boccistico perugino. L’impegno delle bocciofile di Spello, Foligno e Bevagna che da anni sono impegnate nella promozione e nella formazione di giovani campioni è stato finalmente ripagato. Il talento unito all’incoscienza dell’astro nascente Gilda Franceschini (12 anni), la determinazione di Laura Picchio (14 anni ad ottobre) e la sicurezza di Giordano Cerqueglini (14 anni a novembre) hanno portato alla conquista dei tre titoli nella categoria Under 15 rispettivamente nel Tiro Combinato Femminile, Tradizionale Femminile e Tiro Combinato Maschile. A completare il successo dell’indimenticabile trasferta le medaglie di bronzo conquistate da Chiara Busti (13 anni ad ottobre) e Ilaria Stefanetti (13 anni).

La soddisfazione del presidente Il neo presidente del Comitato Provinciale FIB Claudio Rossi, che ha accompagnato la delegazione perugina in terra marchigiana, ha espresso «il suo più vivo ringraziamento agli atleti alle loro famiglie ed alle società che con impegno e dedizione hanno permesso questo inimmaginabile risultato, nella convinzione che risultati come questo aiuteranno tutto il movimento che ha l’assoluta necessità di promuovere lo sport bocce coinvolgendo sempre più giovani così come particolare attenzione dovrà essere prestata al settore femminile ed al movimento dei disabili, considerando che la natura dello sport bocce ben si adatta a tutti gli appassionati».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *