mercoledì 12 dicembre - Aggiornato alle 15:09

Ascoli-Perugia: la spunta il Grifo, la spunta Sprocati al 95′. Finisce 0-1. Il Frosinone pareggia

Marco Moscati con la maglia del Perugia. Tornerà ad indossarla? (foto Troccoli)

ASCOLI (3-5-2): Russo; Scognamillo (41’pt Di Gennaro), Magliocchetti, Schiavino; Iotti, Carpani (22’pt Grilli), Capece, Colomba, Giacomini; Cipriani (19’st De Iulis), Tripoli. A disp.: Pazzagli; Casselon, Giovannini, Storani,. All.: Destro.
PERUGIA (3-5-2): Koprivec; Comotto, Massoni, Scognamiglio; Conti, Moscati (27’st Vitofrancesco), Filipe, Nicco (44’st Sprocati), Fabinho; Mazzeo, Eusepi (41’st Sanseverino). A disp.: Stillo; Sini, Carcione, Henty. All.: Camplone.
RETI: nessuna. ARBITRO: Marini di Roma.
NOTE: spettatori 4000 circa, di cui 600 provenienti da Perugia. Ammoniti: Eusepi, Iotti, Schiavino, Giacomini, Colomba, Grilli. Espulsi: Massoni (15’pt) per fallo da ultimo uomo, Conti (36’st) per fallo con palla lontana; Di Gennaro (3’st) per fallo da ultimo uomo, Colomba (48’st). Angoli:  1-1. Recuperi: pt 2′, st 4′.

Primo tempo

10′ Pronti-via, il pallino per il momento è dei grifoni. L’Ascoli pensa solo e soltanto a coprire. Fabinho prima (5′), imbeccato da Moscati, Mazzeo poi (7′), dalla distanza, mirano in porta ma sparano sul fondo. Dei bianconeri non v’è traccia: Colomba e compagni non riescono a superare la metà campo. Da segnalare (10′) una buona punizione di Filipe, alta di poco.
20′ Perugia in dieci Massoni viene, con estrema semplicità, scavalcato da un lancio lungo indirizzato a Cipriani. L’attaccante è svelto, il difensore con le gambe non ci arriva, quindi pensa (sciaguratamente) di allungare braccio e mano, e di trattenere (o di provarci, fa lo stesso) il giocatore per la maglia. Rosso diretto, da regolamento non fa una piega. A Frosinone, intanto, Salenritana in vantaggio di un gol.
30′ Partita in salita fin da subito, fin da troppo, decisamente troppo presto per la truppa biancorossa. Inaspettatamente e improvvisamente ritrovatosi in superiorità numerica, Destro richiama Carpani e inserisce Grilli. Cipriani, nel frattempo, deve ricorrere ai sanitari per un fastidio muscolare. Poi rientra. Mazzeo (29′) cerca Eusepi a centro area ma la difesa gli chiude la via. Tripoli (32′) di destro spara sul fondo.
45’+2′ Insiste Tripoli, forse, stavolta, partito in posizione di offside: dribbling a ubriacare Comotto, conclusione deviata in corner da Koprivec. Il numero undici bianconero è un’autentica spina nel fianco per il Perugia. Una spina spuntata (vedi occasione al 35′: sombrero su Scognamiglio poi palla altissima sopra la traversa) per fortuna dei grifoni. Altro cambio per i padroni di casa, obbligato: Scognamillo esce per infortunio, al suo posto entra Di Gennaro. Al 44′, dai venticinque metri, Filipe costringe Russo all’intervento in due tempi. Poi azione efficace Mazzeo-Moscati-Nicco sulla corsia destra, ma controllo e conclusione di quest’ultimo sono prevedibili: la difesa rinvia.

Secondo tempo

10′ Ascoli in dieci Parità numerica ristabilita, dopo appena due minuti. Azione fotocopia, ma a parti inverse, di quella che nel primo tempo ha condotto all’espulsione di Massoni: Nicco si infila tra le maglie difensive bianconere, Di Gennaro lo trattiene, Marini estrae il  rosso diretto. La punizione che ne scaturisce viene calciata da Mazzeo, Russo chiude in calcio d’angolo. Nicco (10′) apre il destro e, da posizione favorevole, manca il bersaglio.
20′ Mazzeo davanti fa guerra e reparto praticamente da sé. Manovra per Moscati (11′), conclude in porta (13′), aziona a turno Fabinho ed Eusepi. Però non basta, per il momento. Perché Russo non si fa sorprendere, vedi destro di Eusepi al quarto d’ora. E perché Nicco – a mancare è sempre e solo la lucidità, i polmoni ci sono – ancora una volta (14′) e un’altra ancora (17′) si divora la chance del vantaggio, propiziata prima dal tandem Mazzeo-Eusepi, poi da Moscati.
30′ Fabinho fa benissimo sul cambio gioco di Filipe (22′) , poi però manca il tocco decisivo. Fotografia del Grifo in campo al Del  Duca: magari vispo a centrocampo, propositivo; sempre invece in affanno nei metri che contano, quelli  a ridosso di Russo. Di buono c’è che Fabinho sembra aver finalmente acceso il motore: nel tentativo di fermare il brasiliano (che alla mezz’ora sfiora il palo con il mancino) Schiavino viene ammonito.
36′ Perugia in nove La tragedia (sportiva) si consuma lungo l’out di destra: Colomba e Conti scaramucciano, il biancorosso viene visto mentre scalcia il bianconero e viene espulso. L’altro, Colomba, colto a reagire, viene al contrario solamente ammonito.
45’+4′ Camplone richiama in panchina Eusepi e manda in campo Sanseverino. Poi altro cambio: fuori Nicco, dentro Sprocati. Il Frosinone intanto, al Matusa, dopo aver temporaneamente agguantato il pari, va sotto di nuovo: Frosinone 1, Salernitana 2. In ciociaria tutto bene, nelle Marche invece il Grifo maramaldeggia. Il pallone ce l’hanno gli umbri, ma vie di sfogo i biancorossi faticano a trovarne. Sprocati (47′) impegna Russo su punizione. Comotto (48′)  chiude su Iotti. Poco dopo anche Colomba viene allontanato dal rettangolo di gioco, reo di aver concluso in porta a gioco fermo, il capitano viene (ri)ammonito quindi espulso. Recupero quindi prolungato di qualche secondo.
50′ GOL PERUGIA All’ultimo tuffo, all’ultimo respiro. Koprivec rilancia lungo, il pallone taglia tutto il campo poi arriva nei pressi di Sprocati, che in area batte Russo per il definitivo 0-1. Il Grifo vince, e in tribuna, dalle parti del presidente, Santopadre, e del prepartore dei portieri, Bonaiuti, scoppia un mezzo parapiglia. Il Frosinone intanto, al 93′ riacciuffa ancora il pari e chiude sul 2-2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.