mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 00:21
26 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 08:57

Spoleto, consigliere Settimi resta nel mirino del Pd: «Uso improprio del PalaRota»

Interpellanza al sindaco per denunciare «conflitto di interesse» e sollecitare provvedimenti

Spoleto, consigliere Settimi resta nel mirino del Pd: «Uso improprio del PalaRota»
Roberto Settimi (foto Fabrizi)

«Pista di atletica e PalaRota utilizzati impropriamente da alcune società sportive e da privati». Questa la denuncia contenuta nell’interpellanza presentata dal gruppo consiliare del Pd di Spoleto e indirizzata al sindaco Fabrizio Cardarelli sollecitato a indicare «se i fatti corrispondono a verità ed eventualmente quali provvedimenti s’intende adottare». Il testo dell’atto diffuso dal Pd nella serata del 25 aprile è stato parzialmente rettificato nella seduta del 26 aprile del consiglio comunale, quando è stato effettivamente depositato dal consigliere Paolo Martellini a nome del gruppo.

Caso Montarello: botta e risposta tra Pd e sindaco

Pd: «Uso improprio del Palazzetto» Nel mirino dei democratici resta comunque il consigliere con delega allo sport Roberto Settimi: «A Spoleto – si legge nell’atto ufficiale – il problema dell’impiantistica sportiva è particolarmente grave e preoccupante, presentando aspetti di criticità dal punto di vista della funzionalità degli stessi impianti e del livello di degrado che presentano alcuni, oltreché dell’utilizzo talvolta improprio che viene fatto di essi da parte di singoli utenti e società sportive, in relazione all’alto numero di utenti ed alla crescente domanda da parte delle stesse società ed associazioni sportive».

Chieste le dimissioni di Settimi E poi: «Sembrerebbe – si legge nell’atto del Pd – che alcune associazioni sportive ed alcuni utenti fruiscano del PalaRota e della pista di atletica, senza autorizzazione da parte degli uffici comunali per questo si interpella il sindaco affinché chiarisca
se risponde a verità che tali soggetti utilizzino gli impianti in questione in orari durante i quali lo stesso non è occupato per attività sportive e scolastiche; se risponde a verità che talune associazioni o singoli utenti siano in possesso delle chiavi per accedere al Pala Rota o ad altre strutture sportive; se risponde a verità che accade talvolta che le ore in cui l’impianto è stato utilizzato non siano state autorizzate dall’Ufficio Sport del Comune di Spoleto, né segnalate allo stesso per il regolare pagamento; quali provvedimenti il sindaco voglia adottare nei confronti delle società e degli utenti che eventualmente adoperassero impropriamente gli impianti di cui sopra». Il consigliere allo sport già nei giorni scorsi era finito al centro degli attacchi dei democratici a causa della mancata organizzazione del Meeting di nuoto che dal 2002 porta nella piscina di Spoleto i grandi campioni italiani.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250