giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 15:32
25 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:17

Spoleto, autogestione alla pista di atletica agita la commissione: «Si corre anche coi cancelli chiusi»

Morelli chiede lumi su recinzione danneggiata e Settimi: «Bando con nuovo regolamento»

Spoleto, autogestione alla pista di atletica agita la commissione: «Si corre anche coi cancelli chiusi»
La quarta commissione

di Chia.Fa.

Fa discutere la quarta commissione la gestione della pista di atletica di piazza D’Armi dove domenica mattina la presidente Marina Morelli ha visto correre all’interno diverse persone nonostante i cancelli dell’impianto risultassero chiusi.

«Si corre anche coi cancelli chiusi» In aula il consigliere delegato allo sport Roberto Settimi a cui la Morelli ha indirizzato perplessità per i possibili rischi: «Mi dicono che c’è un varco nella recinzione – ha detto – credo che occorra chiuderlo al più presto, anche per questioni legate alla sicurezza, se si fa male qualcuno all’interno chi ne risponde?». Probabilmente il Comune, lo stesso che da sette anni ha sostanzialmente optato per un’autogestione della pista di atletica che viene aperto al mattino e chiuso la sera da personale dell’ente.

 

Autogestione della pista atletica Sul punto Settimi, dopo aver spiegato «che chiudere il buco nella recinzione non risolverebbe il problema visto che in giro ci saranno cento mazzi di chiavi dei cancelli», ha affermato: «Non è cambiato niente negli ultimi anni perché sostanzialmente non c’era un regolamento per la gestione degli impianti sportivi, documento che abbiamo redatto e partecipato alle associazioni sportive che entro i termini non ci hanno però fatto pervenire alcuna osservazione o richiesta di modifica». Il documento è atteso sul tavolo della giunta prima di iniziare l’iter che prevede il passaggio in commissione normativa e in consiglio.

Settimi: «Bando con nuovo regolamento»  In questo senso l’atto è stato illustrato per grandi linee alla quarta commissione, ma non consegnato materialmente in attesa del via libera di sindaco e assessori. Secondo quanto spiegato da Settimi «col nuovo regolamento la gestione della pista di atletica verrà messa a bando e si chiuderà una stagione che sicuramente ha anche causato incuria a un impianto di quasi 30 anni bisognoso di interventi». L’idea di Settimi è quella di poter investire nei prossimi tre anni piccole somme per finanziare il rifacimento delle aree lanci e salti: «Per questo sono in corso verifiche con gli uffici». Ma nel bilancio dell’ente c’è ben poco da grattare.

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250