giovedì 18 ottobre - Aggiornato alle 12:17

Umbria jazz, sorpresa per la serata di sabato: anche i Quintorigo sul palco con Mario Biondi

La penultima serata del festival riserva una sorpresa agli spettatori dell’Arena Santa Giuliana. Sul main stage ci saranno inoltre, oltre al cantante e ai Quintorigo, anche l’Hypnotic Brass Ensemble e Nik West

Mario Biondi in una precedente edizione di Uj

La penultima serata del festival riserverà una sorpresa agli spettatori dell’Arena Santa Giuliana. Sul palco del main stage del festival ci saranno, insieme a Mario Biondi e alla sua band, anche i Quintorigo. Biondi sarà headliner della serata che vedrà sul palco anche l’Hypnotic Brass Ensemble e Nik West, ed è tra le poche date italiane del «Mario Biondi Tour 2018», in attesa del tour teatrale che partirà in autunno e che porterà il crooner nelle principali città italiane: il 24 novembre Palazzetto Fevi di Locarno, 26 novembre Teatro Petruzzelli di Bari, 3 dicembre Teatro Augusteo di Napoli, 5 dicembre Teatro degli Arcimboldi di Milano, 8 dicembre Teatro Ariston di Sanremo, 10 dicembre Teatro Openjobmetis di Varese, 12 dicembre Teatro Colosseo di Torino, 13 dicembre Obihall di Firenze, 15 dicembre Teatro Regio di Parma, 19 dicembre Gran Teatro Geox di Padova, 22 dicembre Europa Auditorium di Bologna, 27 dicembre Auditorium Parco della Musica di Roma. Mario Biondi è attualmente in radio con il nuovo singolo «Smooth Operator», la sua personale rivisitazione del grande successo di Sade pubblicato nel 1984,  impreziosita dal flicorno del musicista e compositore tedesco Till Brönner. Il brano è stato registrato a Rio De Janeiro ed è contenuto nell’album “Brasil”, Prodotto a Rio de Janeiro dal vincitore di un Latin Grammy, Mario Caldato (Beastie Boys,Jack Johnson, Seu Jorge, Marisa Monte) e Kassin (Red Hot+Rio, Caetano Veloso), con la partecipazione attiva di Biondi alla produzione musicale di alcuni brani. Per l’ultima serata del festival invece sul palco dell’Arena un doppio set: Melody Gardot e poi Gregory Porter, accompagnato dall’Umbria jazz orchestra per il suo progetto dedicato a Nat King Cole.

I commenti sono chiusi.