Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 28 settembre - Aggiornato alle 00:16

Umbria Jazz, dal Comune altri 30 mila euro. San Francesco, bando di gestione per nove anni

Palazzo dei Priori incrementerà lo sforzo economico in vista del cinquantennale. Pronto l’avviso per la ricerca di un gestore dell’auditorium

Auditorium San Francesco al Prato

di Daniele Bovi

Il Comune di Perugia in vista dell’edizione 2023 di Umbria Jazz – quella del cinquantennale – incrementerà il proprio sforzo economico a sostegno della manifestazione. Ad annunciarlo domenica è stato l’assessore alla Cultura Leonardo Varasano nel corso della conferenza stampa finale del festival. Il Comune aggiungerà agli attuali 85 mila euro (20 mila dei quali per la stagione invernale del jazz club) altri 30 mila euro, più altri 10 mila per il Teatro stabile.

VENDUTI 27MILA BIGLIETTI. PAGNOTTA ASSENTE ALLA CONFERENZA STAMPA

Il 2022n e il 2023 Varasano per quanto riguarda quella del 2022 ha parlato di una edizione «entusiasmante, scintillante e al di sopra delle aspettative. La cosa importante – ha osservato – non sta scritta nei numeri ma nel clima che si è ricreato, anche grazie alla musica gratuita nelle piazze, e nel desiderio di ritornare alla normalità. Perugia si conferma scenario ideale da 50 anni». E proprio in vista del cinquantennale, Varano si è limitato a dire che «i grandi anniversari devono lasciare qualcosa che rimane», che non significa solo grandi concerti con grandi nomi.

San Francesco Sullo sfondo ci sono diverse questioni aperte, una su tutte quella degli spazi. Il Turreno non sarà pronto prima di alcuni anni mentre per quanto riguarda l’auditorium di San Francesco al prato, inaugurato con Uri Caine nel 2019, Varasano a margine della conferenza stampa ha spiegato che il bando di gestione è pronto per essere pubblicato (mancano solo alcuni passaggi tecnici) e che prevede un periodo di gestione di nove anni.

I commenti sono chiusi.