martedì 31 marzo - Aggiornato alle 15:03

Umbria jazz, accordo con RadioMediaset per 3 anni. Svelato il programma completo dell’Arena

Annunciati, tra gli altri, Tom Jones, Anita Baker, Jamie Cullum, Gilberto Gil, Djavan, Shabaka & The Ancestors. Radio Monte Carlo sarà radio ufficiale dell’edizione 2020

Umbria jazz e RadioMediaset, conferenza a Milano

di Danilo Nardoni

Dalla trasferta milanese Umbria jazz torna a casa con la firma di un accordo triennale con RadioMediaset oltre che con l’annuncio del programma completo dell’Arena Santa Giuliana. Tra gli altri arriveranno a Perugia a luglio Tom Jones, Anita Baker, Jamie Cullum, Gilberto Gil, Djavan, Shabaka & The Ancestors. Dal 10 al 19 luglio Umbria Jazz 20 suonerà quindi sulle emittenti del Gruppo RadioMediaset, il primo Gruppo radio nazionale (con il 17.9% di ascoltatori nel quarto d’ora medio e il 37,0% di ascoltatori nel giorno medio). RadioMediaset (Radio 105, Virgin Radio, R101, Radio Monte Carlo, Radio Subasio) infatti ha siglato, giovedì 20 febbraio a Milano, un accordo triennale con Umbria Jazz in base al quale promuoverà l’importante kermesse attraverso una comunicazione declinata sulle sue cinque emittenti insieme alla presenza dei suoi conduttori sui diversi palchi e molto altro. Alla firma dell’accordo a Milano erano presenti Carlo Pagnotta, direttore artistico Uj, e Paolo Salvaderi, ad RadioMediaset, con la partecipazione pure della presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, e del sindaco di Perugia, Andrea Romizi.

Sintonia di intenti Come è stato ricordato, l’accordo è nato in modo naturale in virtù di una sintonia di intenti tra Umbria Jazz e il Gruppo radiofonico uniti dal comune denominatore della grande passione per la musica di qualità, sia essa jazz, pop o rock e dal tema caro a entrambi della cura dell’ambiente e della sostenibilità. Solo l’inizio, quindi, di un percorso insieme tra i due soggetti lungo tre anni. In quest’ottica, Radio Monte Carlo assume la titolazione di Radio ufficiale, mentre Radio Subasio si concentrerà essenzialmente sulla valorizzazione del territorio nel quale opera e nel quale è punto di riferimento e Virgin Radio sarà protagonista quando il cartellone si farà più rock, anche attraverso lo spettacolo di Massimo Cotto e Alteria “Rock & Talk”, in programma il 17 e 18 luglio. Radio Monte Carlo accompagnerà i propri ascoltatori, chi sarà presente a Perugia e chi non riuscirà a esserci, con una importante presenza sul posto e i programmi in diretta e sui social network. Da un vero e proprio studio mobile dotato di studio di registrazione e palco, i conduttori di Radio Monte Carlo trasmetteranno in diretta per tutto il periodo del Festival con interviste, ospiti e i racconti di chi si sta preparando a vivere i concerti. On air saranno realizzati dei contest per assegnare gli ambitissimi ingressi ai concerti insieme a experience senza prezzo riservate agli ascoltatori dell’emittente. Uno Speciale editoriale on-line su radiomontecarlo.net accompagnerà l’attesa del Festival e, a partire dal giorno del debutto, sito e social ufficiali della radio (instagram, facebook e twitter) seguiranno Umbria Jazz 20 in tempo reale attraverso foto, video e reportage. Inoltre, su unitedmusic.it, il progetto digital audio di RadioMediaset, sarà accesa una web radio interamente dedicata a Umbria Jazz e agli artisti in programma. RadioMediaset – è stato infine annunciato – promuoverà Umbria Jazz 20 attraverso un importante piano di comunicazione pianificato su tutte le radio del Gruppo, tv, stampa nazionale, outdoor, digital.

Dichiarazioni «La firma di questo felice accordo – ha dichiarato Paolo Salvaderi, Amministratore Delegato di RadioMediaset – si inserisce in un processo di sviluppo delle nostre attività legate ai Festival e agli artisti che supportiamo, basti pensare a Mika, il tour del quale seguiamo con la nostra R101, e a Lenny Kravitz, che insieme a Virgin Radio accompagniamo nelle sue date italiane. Dopo avere legato nome e iniziative delle nostre emittenti alle maggiori rassegne italiane, con enorme piacere intendiamo legarci indissolubilmente alla manifestazione che più di tutte condivide con la nostra Radio Monte Carlo il medesimo DNA. Un DNA fatto di attenzione alla musica di qualità e ai piaceri della vita. L’Umbria e la città di Perugia sono per noi un territorio molto importante cui ci sentiamo legati in modo particolare perché – ha concluso – culla e bacino di ascolti di Radio Subasio, la radio locale con i numeri da network». «Umbria Jazz – ha dichiarato la presidente Tesei – è un festival di estremo valore artistico che va anche oltre la sua indiscussa importanza musicale. Chi viene ad ascoltare la straordinaria musica di Umbria Jazz, infatti, può anche godere delle bellezze di Perugia e di tutta l’Umbria, terra ricca di cultura, luoghi meravigliosi, un patrimonio artistico, architettonico ed ambientale unico, ed anche eccellenze enogastronomiche». «Per far sì che le cose funzionino – ha aggiunto Tesei – è fondamentale la passione; passione che tutti coloro che partecipano all’organizzazione di questo evento mettono con grande dedizione. Dunque, l’accordo sottoscritto oggi con Mediaset rappresenta una ulteriore azione di promozione sia di Umbria Jazz sia della regione tutta. Così come è altrettanto significativo il fatto che Radio Monte Carlo, una emittente di enorme prestigio per la sua qualità artistica e della proposta musicale, sia stata scelta – ha concluso la presidente – come ‘la radio ufficiale’ del festival».

Programma completo Arena Con gli annunci dei nuovi nomi fatti a Milano si è completato così il programma dell’Arena Santa Giuliana di UJ20, a Perugia dal 10 al 19 luglio, con: Tom Jones, Anita Baker, Jamie Cullum, Gilberto Gil, Djavan, Christone “Kingfish” Ingram, Shabaka & The Ancestors, Gonzalo Rubalcaba & Aimèe Nuviola, Cimafunk, Orquesta Akokan. I biglietti per questi concerti saranno disponibili online da lunedì 24 febbraio.

10 luglio LENNY KRAVITZ

11 luglio VERONICA SWIFT & EMMET COHEN TRIO / WYNTON MARSALIS & JALCO

12 luglio CHRISTONE “KINGFISH” INGRAM TRIO / ANITA BAKER
Il 12 luglio, domenica, si chiude il primo week-end del Festival con CHRISTONE “KINGFISH” INGRAM e ANITA BAKER. Kingfish è la prossima esplosione del blues. Parola di Buddy Guy, che della materia si intende. Kingfish è il soprannome di Christone Ingram, un ragazzone del Mississippi che ha letteralmente aggredito la scena del blues con un esordio che non si vedeva da tempo. Un predestinato. Regina di un soul raffinato e romantico, grande interprete di ballads, songwriter dalla sofisticata costruzione armonica, cantante di jazz in linea con i filoni più classici della vocalità. Anita Baker ha rappresentato la vetta delle nuove tendenze che si sono affermate negli anni ottanta, a partire dal secondo disco, ‘Rapture’, uscito nel 1986. Il primo, ‘The Songstress’, aveva contribuito a farla conoscere ma fu ‘Rapture’ a inaugurare una pioggia di dischi d’oro e di platino, tour mondiali e premi prestigiosi.

13 luglio SHABAKA & THE ANCESTORS / JAMIE CULLUM
Il giorno successivo, il 13, spazio a SHABAKA & THE ANCESTORS e JAMIE CULLUM. Shabaka and the Ancestors nasce dall’incontro di Shabaka Hutchings, sassofonista londinese (origini familiari nelle Barbados) con il jazz africano e in particolare quello sudafricano. Hutchings ha un ruolo di primo piano sulla scena della nuova musica inglese ed è un artista con la mente proiettata verso i suoni del futuro ma senza mai perdere il legame con le radici. Con milioni di dischi all’attivo, una nomination ai Grammy (miglior album di jazz vocale) e una al Golden Globe (la canzone di Gran Torino, il film di Clint Eastwood), più numerosi altri premi e nomination, Jamie Cullum è oggi una star la cui popolarità trasversale va oltre i generi codificati.

14 luglio TOM JONES
Il 14 TOM JONES, semplicemente una delle più belle voci della musica popolare dell’ultimo mezzo secolo. Una voce potente, espressiva, duttile, a suo agio in ogni genere musicale, emotivamente coinvolgente. È grazie a questo formidabile “strumento”, e anche ad una esplosiva presenza scenica, che Sir Tom Jones è diventato ed è dopo cinquant’anni una leggenda.

15 luglio MIKA

16 luglio REDMAN-MEHLDAU-MCBRIDE-BLADE BRANFORD MARSALIS

17 luglio STEFANO BOLLANI / SFJAZZ COLLECTIVE

18 luglio DJAVAN / GILBERTO GIL
Uno dei più amati artisti brasiliani, Djavan, nonché uno dei principali artefici di quell’incontro tra culture (radici popolari del Nordeste, pop, rock, funk, tradizioni africane) che ha contribuito non poco a spalancare alla MPB le porte del mercato mondiale della musica. Nel 2015 gli è stato assegnato un Latin Grammy onorario. Un dono speciale che ha Gilberto Gil è di saper trasformare in musica gli aspetti della vita quotidiana, dalla politica alla famiglia. La famiglia, appunto. Il tour 2020 di Gil, che riprende dal vivo la formula del suo ultimo disco, vede sul palco l’artista baiano circondato da figli e nipoti musicisti, cantanti, compositori, arrangiatori. Un aspetto che nello stesso tempo si traduce in un approccio libero e intimo alla musica.

19 luglio “CUBA! CUBA! CUBA!”
La musica cubana è ascoltata e amata in tutto il mondo per la sua trascinante vitalità ritmica, per l’anima popolare che non ha mai smarrito, per una ineguagliabile ricchezza di stili e di suoni che deriva dalle commistioni tra radici africane e culture europee, specialmente spagnole e francesi. Con Cuba! Cuba! Cuba! Umbria Jazz dedica alla musica dell’isola caraibica la sua lunga serata conclusiva, e sarà ovviamente una festa. Il programma è diviso in tre parti. VIENTO Y TIEMPO è il progetto che unisce il talento vocale di AYMÉE NUVIOLA e quello pianistico di GONZALO RUBALCABA. È la Cuba più giovane che si ritrova nell’energia e nel ritmo di CIMAFUNK, il fenomeno più innovativo degli ultimi tempi, un po’ rapper, un po’ soulman, con lo sguardo verso il futuro ma sempre strettamente legato alle radici. Una forza della natura al servizio del mambo e del “son” cubano. È il biglietto da visita della ORQUESTA AKOKAN, che in organico presenta alcuni dei migliori musicisti cubani, di più generazioni, attivi all’Avana.

I commenti sono chiusi.