Quantcast
sabato 27 novembre - Aggiornato alle 01:22

La storia del jazz raccontata da chi l’ha scritta: stasera l’Arena è di due mostri sacri

Herbie Hancock ieri sera all'arena (foto M.A. Manti)

di Lucia Caruso

Per gli amanti del jazz, quello con la lettera maiuscola, questa sera all’Arena Santa Giuliana si esibiranno due mostri sacri che la storia di questo genere l’hanno scritta e che sanno quindi raccontarla in modo esemplare: Herbie Hancock e Wayne Shorter.

L’incontro Hancock che lo scorso anno si esibiva in duetto con Chick Corea torna sul palcoscenico di Umbria Jazz con uno dei suoi vecchi amici di sempre. E’ infatti negli anni ’60 che il suo pianoforte ha incrociato per la prima volta il sassofono di Shorter. Allora fecero parte del quintetto di Miles Davis che segnò la storia del jazz e, dopo quella esperienza, continuarono ad apportare il loro prezioso contributo condividendo i palchi di tutto il mondo e siglando progetti che li hanno resi celebri.

Herbie Hancock, che nonostante i suoi 74 anni suonati, ha ancora tanto e sempre da insegnare, e Wayne Shorter, proveniente dalla scuola di John Coltrane  il cui talento influenza i jazzisti di ogni dove, questa sera sono pronti a lasciare l’impronta del loro esemplare percorso artistico che li ha consacrati vere e proprie icone nel panorama jazzistico mondiale.

Monty Alexander A seguire il duetto ci sarà il pianoforte del giamaicano Monty Alexander, altra personalità molto influente che ha dato vita a un originalissimo mix musicale capace di contenere, confrontare e fondere musica giamaicana e jazz americano. In cinquant’anni di carriera ha firmato oltre settanta lavori e sono state innumerevoli le sue collaborazioni, per esempio con Sonny Rollins, Frank Sinitra o Tony Bennett, tanto per citarne alcune. E a celebrare le sue settanta primavere è l’uscita della sua ultima grandiosa fatica “Harlem Kingston Expess volume 2” con cui questa sera delizierà il pubblico.

Al Teatro Morlacchi oggi è la volta di Enzo Pietropaoli che si esibisce alle 17 con Fulvio Sigurtà, Julian Mazzariello e Alessandro Paternesi, portando sul palcoscenico di Umbria Jazz il suo ultimo lavoro del 2013, “Yatra vol.2”, uscito ad appena due anni dall’esordio. Il quartetto nel 2013 ha vinto il Top Jazz di Musica jazz come miglior formazione. Lo spettacolo serale è affidato a uno dei bassisti più cool della sua generazione, Christian McBride, che sarà accompagnato da Christian Sands e Ulysses Owens Jr.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.