Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 2 dicembre - Aggiornato alle 03:16

Egea, tre speciali incontri per Umbria Jazz: riapre lo storico store per i 30 anni di dischi

Marchio di fabbrica di un suono italiano nel mondo e oggi factory internazionale, l’etichetta riparte da Perugia con un luogo d’incontro per appassionati, addetti ai lavori, musicisti ed artisti

Egea Store in via Ritorta a Perugia

di Danilo Nardoni

Per presentare trent’anni di attività, attraverso una suggestiva riapertura e tre speciali incontri, non poteva che esserci occasione migliore di Umbria Jazz. Durante i giorni del festival, infatti, è tornato a riempirsi di musica lo storico negozio di dischi di Perugia, Egea Store, casa madre di Egea Records, marchio di fabbrica di un suono italiano nel mondo e oggi Factory internazionale. La notizia non è solo un segnale importante per gli amanti della grande musica italiana nel mondo. Ma è un evento che si inscrive in un panel di attività di caratura internazionale.

Uomo dei due mondi A fare gli onori di casa è Antonio Miscenà (fondatore dell’etichetta), oggi “uomo dei due mondi”, visto che buona parte della sua vita la passa in Colombia e nel resto del Centroamerica, dove dirige il Festival di musica di Cartagena ed ha creato una rete di rapporti internazionali. A seguito della sua intensa attività in ambito culturale lo scorso mese di maggio è stato anche insignito dallo Stato colombiano della cittadinanza onoraria. E proprio in questi giorni ha portato in tour in Italia, con lucida visione, la prestigiosa Orquesta Juvenil de Camara de Bogotà diretta da Federico Hoyos e accompagnata da David Garcia, direttore generale dell’OFB (che raggruppa le 11 Orchestre Filarmoniche di Bogotà). E che, proprio sabato scorso, ha suonato nella Basilica di San Francesco ad Assisi.

Storico negozio L’Egea Store nasce nel lontano 1991 sotto il marchio Quadrivium che ben presto diventa una fabbrica musicale internazionale con quei “Racconti Mediterranei” di Enrico Pieranunzi che hanno fatto scuola. Da allora si sono succedute in trent’anni oltre 150 produzioni musicali tutte di altissimo livello: l’ultimo nato della scuderia Egea, il lavoro di Cristina Zavalloni & ClaraEnsemble “Parlami di me (Le canzoni di Nino Rota)”, è entrato nella cinquina finale del Premio Tenco 2022 per la categoria Interprete. Lo storico negozio di via Ritorta 5 nel centro di Perugia, ospitato in una splendida torre medioevale del 1200, è nato così per rendere visibile l’esperienza produttiva e il marchio Quadrivium, focalizzato originariamente sulla musica classica ed antica. Ma con la nascita di Egea si orienta verso il jazz e la musica di confine, diventando un crocevia e punto di raccolta della musica del mondo.

Tre appuntamenti Dopo il fermo del 2014, riapre oggi con una serie di appuntamenti e di tre incontri del tutto unici e speciali, pensati per celebrare non solo la riapertura dell’Egea Store di Perugia ma, come sottolinea lo stesso Miscenà, “anche per coinvolgere appassionati, addetti ai lavori, musicisti ed artisti nell’ottica di incontrare, spiegare, divulgare mondi e sapienza, strategie nuove e avveniristiche utopie del sogno in musica”. Saranno tre gli appuntamenti in programma dal 15 al 17 luglio. Venerdì 15 luglio, alle ore 19, ci sarà un pensiero concreto ai più piccoli con la presentazione di Egea Small, la collana di dischi per bambini e sulla didattica per l’infanzia, diretta da Francesca Rossi. Sabato 16 luglio (ore 19), il clarinettista perugino Gabriele Mirabassi ripercorrerà le tappe del suo percorso con Egea Records che lo ha visto partecipe sin dal primo titolo di catalogo pubblicato dall’etichetta. Appuntamento che verrà anticipato da un incontro la mattina alle ore 11 presso la Feltrinelli a Perugia dove Mirabassi in compagnia di Simone Zanchini parleranno de “Il Gatto e la Volpe”, il loro primo lavoro discografico insieme per Egea Records che sarà successivamente presentato anche dal vivo per “Jazz goes to the Museum” nella Sala Podiani della Galleria Nazionale dell’Umbria (due appuntamenti, questi ultimi, che rientrano entrambi nel calendario ufficiali di Umbria Jazz). Infine, domenica 17 luglio, ore 11, Massimo Morganti, arrangiatore e direttore d’orchestra, presenterà “Momenti” ovvero “L’arte di orchestrare i classici”, inciso con la Colors Jazz Orchestra. Negli incontri sarà presente, oltre all’inventore del suono Egea e fondatore dell’etichetta Antonio Miscenà, anche Claudio Carboni, musicista e General Manager di Egea Records.

I commenti sono chiusi.