Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 27 settembre - Aggiornato alle 20:36

Dai brani del loro album fino a Velvet Underground ed Hendrix: il duo Beck-Depp scalda i 5 mila dell’Arena

Con la leggenda della chitarra e quella del cinema si è chiusa l’edizione numero 49 di Umbria jazz. Il racconto della serata

©️M.G.

di Danilo Nardoni

Si sono presentati sul palco di Umbria Jazz entrambi in grande forma. Il quasi ottantenne Jeff Beck, una leggenda della chitarra ancora capace di scaldare i fan, e l’attore Johnny Depp che nasce musicista e che quindi si è rifugiato tra le corde delle sue chitarre e della sua voce, dopo la lunga battaglia legale con l’ex moglie Amber Heard. Ieri sera il gran finale del festival (sold out da tempo) è stato tutto per loro e i circa 5mila presenti all’Arena Santa Giuliana (oltre 4.200 i paganti), richiamati non solo per la presenza del leggendario chitarrista britannico ma anche per quella come “special guest” del famoso attore, sono stati quindi ben ripagati.

FOTOGALLERY: IL CONCERTO DI BECK E DEPP

Il concerto Lungo, infatti, è stato il set con i due sul palco – accompagnati dai bravi musicisti Rhonda Smith al basso, Anika Nilles alla batteria e Robert Adam Stevenson alle tastiere – per eseguire soprattutto i brani del loro album “18” composto per lo più da cover, fatta eccezione per “This is a song for Miss Hedy Lamarr” e “Sad motherfuckin’ parade”, inediti entrambi scritti da Depp. Beck ha trascorso i due anni di assenza dai palchi per la pandemia lavorando su nuova musica e un nuovo album, registrato appunto insieme all’attore-chitarrista-cantante, e uscito proprio due giorni prima del concerto a Perugia.

VIDEO – IL CONCERTO DI BECK E DEPP

DECINE DI FAN SOTTO IL SOLLEONE PER DEPP

La ripartenza Durante il live, spazio anche per la canzone che Depp ha scritto sul processo per diffamazione contro la ex moglie Amber Heard. Per Johnny Depp, infatti, questo tour estivo con uno dei più grandi chitarristi di sempre (due volte nella Rock and Roll Hall of Fame, sia con gli Yardbirds che da solista) è chiaramente una ripartenza, intanto musicale in attesa di quella nel mondo del cinema. Il primo a salire sul palco è stato Beck, occhiali neri e fender bianca. A una prima ovazione del pubblico per il chitarrista britannico ha fatto seguito, dopo l’esecuzione di una manciata di brani, quella più grande per l’ingresso del “pirata” Depp: jeans, camicia bianca con maniche arrotolate, gilet, capelli al vento da rockstar e chitarra elettrica che ha poi alternato con quella acustica. Sulle note di “Rumble” i due hanno iniziato a incastrare note e fisicità sul palco. A seguire, tra le altre, la ballata “Let it be me” degli Everly Brothers, “Isolation” di John Lennon, “Venus in furs» dei Velvet Underground e “Little wing” di Jimi Hendrix..

VIDEO – BECK E DEPP IN «ISOLATION» DI LENNON

Il festival Con una serata molto apprezzata dal pubblico (tanti anche i fan della star di Hollywood che già dalla prima mattina e per tutto il giorno, sotto caldo sole perugino, lo hanno atteso invano fuori all’Hotel Brufani dove alloggiava) è stata suggellata una edizione del festival da “grandi numeri” come ricordato nel bilancio con circa 27.000 biglietti venduti per un incasso vicino al milione di euro dopo dieci giorni di grandi concerti (all’Arena si sono esibiti anche Herbie Hancock, Diana Krall, Tom Jones, Joss Stone, Gilberto Gil, Jamie Cullum, Incognito, The Comet is Coming). L’icona della chitarra Beck invece, sempre insieme al “collega” Depp, proseguirà ora il tour italiano con le esibizioni a Gardone Riviera (Brescia), questa sera, Pordenone (20 luglio) e Cattolica (21 luglio). Di seguito riportiamo la scaletta del concerto.

Star cycle
You know you know
Stratus
Midnight walker
Big block
Carolyne no
Brush with the blues
Cause we ended
You never know
Rumble
Hedy Lamarr
Let it be me
Isolation
Time
Venus in furs
Little wing
Death & Resurrection
Corpus Christi
Day in the life

I commenti sono chiusi.