martedì 21 novembre - Aggiornato alle 03:41

Domenica a Umbria jazz: concerti, palchi, orari, biglietti. Gran finale del festival con Bollani e la festa brasiliana

Dal Morlacchi al Santa Giuliana, dai giardini Carducci a piazza IV Novembre fino alla Galleria nazionale dell’Umbria, tutti gli appuntamenti della giornata

Stefano Bollani

di A.G.

Galleria nazionale dell’Umbria La giornata a Umbria jazz inizia con lo speciale format ‘Jazz goes to the museum’: appuntamento mattutino alle 12.00 nella sala Podiani della Galleria nazionale con il quartetto di Linda Oh. Nata in Malesia da genitori cinesi, cresciuta a Perth e da qualche anno residente a New York, Linda Oh, contrabbassista e compositrice, è considerata oggi molto più di una promessa. Talento precoce, ha studiato fin da piccola piano e fagotto per passare a quindici anni al basso elettrico, suonando jazz e rock nelle orchestre studentesche. Nel 2009 arriva la menzione d’onore alla Thelonious Monk Bass Competition, seguita nel 2010 dal Bell Award come giovane artista australiana dell’anno e dal primo posto nel referendum dei critici di DownBeat come Acoustic Bass Rising Star. A New York Linda ha lavorato con Joe Lovano, Steve Wilson, Vijay Iyer, Dave Douglas, Kenny Barron, Geri Allen. Linda è stata anche scelta da Pat Metheny per il suo ultimo tour, che ha toccato anche Assisi con un concerto benefico per i terremotati dell’Umbria.

Bottega del vino e ristorante La Taverna Come ogni anno, la Bottega del vino ospita concerti da accompagnare con un buon bicchiere di vino. Alle 13.00 esibizione del duo Kim Prevost & Bill Solley, affine secondo Jazz Times alla coppia Ella Fitzgerald – Joe Pass. Dalla Louisiana, figlia di un pastore cresciuta con il gospel ma con un orecchio anche al r&b, oggi Kim Prevost si colloca a metà strada fra la pura jazz singer e il raffinato soul di Sade. Vincitrice dell’importante premio ‘Jazz Discovery,  di recente è stata ospite in studio dei Nine Inch Nails. In Umbria Kim si esibisce in duo con il chitarrista Bill Solley, laureato all’università di New Orleans e più volte votato come miglior chitarrista della città. Musicista molto eclettico, suona con la stessa competenza jazz, fusion, musica brasiliana. Alle 19.00 concerto di Max Gallo Quartet. Torinese, Max Gallo studia chitarra dall’età di tredici anni, innamorato del jazz dopo aver ascoltato i grandi dello strumento come George Benson, Wes Montgomery e Pat Martino. Gallo si è formato a Milano sotto la guida di Filippo Daccò e ha poi collaborato, tra gli altri, con Scott Hamilton, John Riley, Byron Landham, Luciano Milanese, Attilio Zanchi, Riccardo Fioravanti, Gianni Cazzola. Al ristorante La Taverna pranzo con Accordi disaccordi (ore 13.00), trio che rilegge la tradizione manouche con sensibilità swing-gypsy nella formula a due chitarre e contrabbasso.

Arena Santa Giuliana e teatro Morlacchi Concerti a pagamento sia all’arena Santa Giuliana che al teatro Morlacchi. Dopo il concerto delle 19.30 sul Restaurant stage di Kim Prevost & Bill Solley, alle 21.00 gran finale del festival con ‘Brazilian meeting’: al centro della serata conclusiva di Umbria jazz, Stefano Bollani, Egberto Gismonti e Hamilton de Holanda. Hamilton è un virtuoso del bandolim, un mandolino normalmente a 8 corde a cui ne ha aggiunte altre due, sviluppando nello stesso tempo una tecnica per sfruttare tutte le possibilità dello strumento a 10 corde. Con il bandolim Hamilton ha suonato samba, jazz o musica classica, da solo, con orchestre o con gruppi jazz. Il trio di Hamilton De Holanda che si ascolta a Perugia è lo stesso (Thiago da Serrinha alle percussioni e Guto Wirti al basso) con cui ha vinto un Latin Grammy 2016 per il disco dedicato a Chico Barque de Holanda. Ospite speciale del trio è Stefano Bollani, che con Hamilton ha una partnership ormai consolidata e che alla musica brasiliana ha dedicato dischi e concerti. Il pianista milanese sarà ancora sul palco per un incontro inedito con lo stesso Hamilton e con una delle personalità più importanti della musica brasiliana moderna, Egberto Gismonti, compositore e polistrumentista che alla formazione classica ha aggiunto l’amore per il folklore, il jazz, la world music. La conclusione della serata sarà con l’Orquestra  Baile do Almeidinha e i suoi ospiti. L’appuntamento delle 17.00 al teatro Morlacchi è dedicato a ‘Quiet nights’ e ‘Sketches of Spain’, le partiture di Gil Evans con Miles Davis alla tromba solista. Con Paolo Fresu alla tromba, Ryan Truesdell dirige un’orchestra di giovani musicisti italiani, supportata da una sezione ritmica di livello assoluto (Jay Anderson al contrabbasso e Lewis Nash alla batteria), con Steve Wilson ai sassofoni. Truesdell si cimenta nell’impresa di eseguire le partiture orchestrali scritte da Evans per Davis non sulla base di trascrizioni, ma usando le carte originali dell’arrangiatore canadese, ridando vita con scrupolo filologico ai lavori del più grande maestro del suono del jazz moderno. Per Umbria jazz questo concerto ha un valore speciale: ricorre infatti quest’anno il trentesimo anniversario del concerto di Gil Evans con Sting a Perugia.

UMBRIA JAZZ 2016, BOLLANI IN ‘NAPOLI TRIP’. IL VIDEO
UMBRIA JAZZ 2016, CHICK COREA E STEFANO BOLLANI. LA GALLERY

Piazza IV Novembre Cuore pulsante di Umbria jazz, piazza IV Novembre ospita tradizionalmente concerti gratuiti. Accanto all’esibizione della marching band Funk Off, dalle 11.30 e dalle 18.30 itinerante lungo le vie del centro storico, alle 16.30 concerto dei giovani talenti delle clinics Berklee college at Umbria jazz. Alle 19.00 esibizione del primo classificato del concorso per under 35 Conad jazz contest e, alle 21.00, concerto dei trascinanti Sammy Miller and the congregation. Chiusura di serata alle 23.00 con Jz All stars, prima band cinese a esibirsi a Umbria jazz, espressione del Jz festival di Shanghai. Da due anni Umbria jazz è presente in diverse regioni e città della Cina con una intensa attività di promozione del jazz italiano, che l’anno scorso si è concretizzata nella realizzazione di un vero e proprio festival di una settimana a Chengdu, una delle più importanti metropoli cinesi. La scorsa edizione estiva, inoltre, ha ospitato tra i concerti di mezzogiorno nella Galleria nazionale dell’Umbria il giovane pianista A Bu, ma questa è la prima volta che a esibirsi è un vero gruppo. Il leader è il sassofonista tenore e soprano Alec Haavik, americano che, dalla natia New York, si è trasferito a Shanghai.

Giardini Carducci Un altro palco storico con live gratuiti, dove si tengono i concerti più trascinanti e si tira fino a tardi. La giornata dei giardini Carducci inizia alle 13.00 con il blues dei Delta wires blues band, seguiti alle 14.30 dallo swing rivisitato in chiave moderna di Sugrapie & the Candymen. Alle 16.00 performance degli Huntertones, artefici di un originale mix di jazz, funk, soul, hip hop e rock, e alle 17.30 di Gangbé brass band, formazione del Benin che unisce il juju dell’Africa occidentale e la musica tradizionale vudù con il jazz ed il tipico suono delle big band. Replica di Delta wires blues band alle 19.00 e di Sugarpie & th Candymen alle 20.30. Alle 22.00 è protagonista la tradizione di New Orleans con Shake ‘em up jazz band, ensemble di sole donne che rievoca con vivacità e freschezza la grande tradizione musicale della patria del jazz, con una formazione che include tromba, trombone e clarinetto, più una sezione  ritmica che si caratterizza per l’uso del washboard. Seconda performance anche per Gangbé brass band alle 23.30 e per gli Huntertones all’01.00.

Info biglietti Box office Centro servizi camerali ‘Galeazzo Alessi’ (via Mazzini 9,   +39 3917423869 +39 3917423870)  dal 7 al 16 luglio dalle 10.00 alle 19.00. Box office arena santa Giuliana per ritiro biglietti prenotati dal 7 al 16 luglio dalle 17.00 alle 23.00. I possessori di un biglietto per qualsiasi concerto di Umbria Jazz dal 1° al 23 luglio avranno diritto all’ingresso ridotto per la visita alla Galleria Nazionale dell’Umbria. Punti vendita Umbria jazz: Ticketitalia (Umbria), Go2 (Campania), Boxoffice (Lazio), Boxoffice (Toscana), Boxoffice (Sicilia).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *