lunedì 18 febbraio - Aggiornato alle 00:20

Festival di Spoleto, radici e migrazioni: gli americani fanno commuovere il San Nicolò

Sold out anche la replica della Sbb di New York che porta in scena anche spoletini e coreani

12/07/2018 61 Festival dei 2 Mondi. Spoleto. La Mama Spoleto Open 2018, Compagnia SBB - Stefanie Batten Bland. Bienvenue Welcome Bienvenido...

Una confessione che parla di radici e cultura, ma anche un viaggio intenso per trovare il proprio posto lontano da casa. San Nicolò sold out per la seconda replica dello spettacolo Bienvenue, Welcome, Bienvenido, della compagnia Sbb di New York, che nel suo titolo racchiude il senso intero del proprio racconto messo in scena con La Mama Spoleto Open, nell’ambito del Festival dei Due Mondi.

Radici e migrazioni al Due Mondi Stefanie Batten Bland porta in scena un susseguirsi di suggestioni profonde che toccano corde intime. Immigrare, essere stranieri, essere accolti, trovare il proprio posto lontano da casa. Un intenso viaggio che fa riflettere che lascia interrogativi sui limiti di ogni confine, geografico, razziale, politico, sociale. E’ una scena già pregna di significato quella che accoglie il pubblico in entrata. Una distesa di cartoni a formare un tappeto di scritte dove il pubblico stesso è invitato a lasciare il proprio messaggio, il proprio benvenuto nella propria lingua.

Gli americani fanno commuovere il San Nicolò E sopra queste parole si raccontano gli eclettici danzatori della compagnia SBB, in una forte confessione che parla delle proprie origini, di radici e di cultura attraverso il corpo che, lontano da equivoci verbali rende possibile una verità indiscutibile e di grande impatto emotivo. Parola chiave “integrazione” e proprio dentro a questa parola Stefanie Batten Bland apre il progetto del suo spettacolo anche a due giovani spoletini e tre coreani che, dopo il workshop al Cantiere Oberdan, realizza un progetto che parla di integrazione e che coerentemente integra in se stesso nuovi volti, nuove personalità. E il pubblico è sospeso perchè Bienvenue, Welcome, Bienvenido non lascia spazio a distrazioni, non concede riposo agli occhi, ti porta via con sé fino all’ultimo respiro di ogni interprete. Bienvenue, Welcome, Bienvenido commuove.

I commenti sono chiusi.