martedì 20 novembre - Aggiornato alle 20:13

Festival di Spoleto, omaggio alle icone del rock tra sensualità e ribellione

Applausi per il balletto di Gallotta che celebra Patty Smith, Aretha Franklin e altre donne potenti e fragili

Tra sensualità e ribellione, omaggio alle icone del rock. Debutto bagnato e anche fortunato quello della compagnia di Jean Claude Gallotta che, venerdì sera al Romano,  per il secondo balletto in programma al Festival dei Due Mondi (in replica fino a domenica), ha fatto i conti col palco bagnato dal temporale estivo del tardo pomeriggio.

Omaggio alle icone del rock Dopo l’apertura affidata alla madre del minimalismo Lucinda Childs, lo sguardo si sposta decisamente sulla contemporaneità. My Ladies Rock racconta i diritti e la condizione della donna attraverso le grandi icone femminili del rock come Patty Smith, Aretha Franklin, Janis Joplin, Tina Turner, che sono il tappeto musicale su cui si raccontano gli undici straordinari danzatori della compagnia Gallotta. Un mix di contaminazioni coreografica che spaziano dalla danza contemporanea, modern, ai balli di coppia creando un generoso gioco di forme e dinamiche tra la sensualità e la ribellione, la potenza e la fragilità femminile. Come la lettura di un libro, My Ladies Rock anticipa e sostiene il quadro coreografico con una prefazione in lingua francese e sottotitolata in video, che precede di volta in volta l’omaggio alle icone del rock, ma che crea qualche problema al pubblico. Straordinari i ballerini dei Gallotta che, nonostante le condizioni non ottimali del palco, incantano il Romano, che restituisce un lungo applauso ai danzatori e alle icone del rock.

 

I commenti sono chiusi.