martedì 20 novembre - Aggiornato alle 22:46

Spoleto, Bececco vuole massimizzare il suo 25,5%: apparentamento al ballottaggio possibile

Più vicino quello col centrosinistra, c’è già il primo ok dal Pd. Si muove anche il centrodestra, 48 ore decisive. Unico precedente Laureti-Libori nel ’95

Bececco al voto

di Chiara Fabrizi

Movimenti felpati per un apparentamento che sulla carta vale un quarto dei votanti, capace quindi di decidere le sorti del ballottaggio. È uno scenario possibile l’accordo con il vicesindaco uscente Maria Elena Bececco (25,5%), che sembra intenzionata a massimizzare la fiducia incassata, stringendo un patto formale da depositare all’ufficio elettorale del Comune di Spoleto entro domenica. Se così fosse Bececco entrerebbe in maggioranza con sei consiglieri (contro i quattro di opposizione che le spetterebbero senza apparentamento) e quindi inciderebbe nell’azione di governo della città per i prossimi cinque anni. L’unico precedente nella storia dei sindaci elettivi di Spoleto è quello del 1995 quando al secondo turno il candidato sindaco Alessandro Laureti si apparentò con la lista di Fausto Libori, battendo Anna Forlani.

COMPOSIZIONE CONSIGLIO ANCHE CON APPARENTAMENTO

In base a quanto risulta le trattative si muovono su due binari paralleli: uno corre dal centrodestra spoletino di Umberto De Augustinis fino ai vertici nazionali dei partiti e ai parlamentari, in grande pressing nelle ultime ore; mentre l’altro attraversa il centrosinistra di Camilla Laureti ed è caldeggiato da tutto il Pd umbro, che un passetto verso l’apparentamento con Bececco lo ha già compiuto. Giovedì sera, infatti, una trentina tra democratici e candidati si sono ritrovati con la candidata sindaco Camilla Laureti nella sede e, dopo una lunga discussione, hanno dato un primo avallo all’apparentamento a larga maggioranza, seppur con vari distinguo, che occorrerà passare al pettine, a cominciare dal futuro degli assessori uscenti Gianmarco Profili e Antonio Cappelletti.  Da segnalare che in caso di apparentamento Bececco-Laureti tra i banchi dell’opposizione, in base alle proiezioni di composizione del consiglio, siederebbe anche Maura Coltorti (3,3%)

PREFERENZE SPOLETO CANDIDATO PER CANDIDATO
SPOLETO AL BALLOTTAGGIO
LA DIRETTA DELLA NOTTE ELETTORALE

In casa centrodestra la questione è un po’ differente. Gli esponenti locali, compreso il candidato sindaco De Augustinis, risultano contrari a un apparentamento, ma disponibili a discutere un accordo da lunedì mattina, ossia da quando la Bececco e i suoi non potranno più entrare in maggioranza. Una condizione, questa, che va a svantaggio di Bececco e che la diplomazia del centrodestra tra Perugia e Roma starebbe cercando di eliminare, spingendo per l’accordo formale da raggiungere prima di domenica, scenario che non piace ai primi azionisti della coalizione, i leghisti, e neanche al candidato sindaco. Se ci sarà la quadra per l’apparentamento di Bececco o se le due partite finiranno su un binario morto lo si capirà al massimo nelle prossime 48 ore. Bececco ancora protagonista.

@chilodice

I commenti sono chiusi.