domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 15:58
14 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:18

Sisma, verifiche agibilità case concluse entro fine mese: tecnici tornano sul campanile Castelluccio

Iniziati i sopralluoghi anche nella zona rossa di San Pellegrino, si accelera per organizzare accoglienza sfollati. L'autunno torna a far paura, previsti quattro giorni di maltempo

Sisma, verifiche agibilità case concluse entro fine mese: tecnici tornano sul campanile Castelluccio
L'intervento sul campanile di Castelluccio

di Chiara Fabrizi

Si accelera con le verifiche di agibilità nelle case. Stimano di concludere la maxi ricognizione sugli edifici privati entro la fine del mese, i funzionari del servizio censimento danni della protezione civile regionale che, ormai da un paio di settimane abbondanti, stanno coordinando le squadre di tecnici per esaurire le oltre duemila richieste di sopralluogo presentate dai proprietari di immobili.

Circa 30% degli sfollati rientra in casa
Ok del consiglio regionale a soluzione bipartisan
Da Fresu a Bosso, da Arbore a Gino Paoli
TUTTO SUL TERREMOTO

Verifiche agibilità case concluse entro fine mese La macchina organizzativa si è ormai oliata, anche se tra Coc, Com, Centro regionale di Foligno e Dicomac non sono pochi i funzionari che lamentano la sovrapposizione delle attività di competenza che, inutile dirlo, spesso sono più di intralcio che di aiuto. In ogni caso il lavoro compiuto dai tecnici è massiccio e mercoledì per la prima volta dieci squadre si sono messe al lavoro nella zona rossa di San Pellegrino (Norcia), accompagnati naturalmente dai vigili del fuoco, mentre altre undici formazioni di tecnici rilevatori operavano in altre zone. Tra gli obiettivi dei sopralluoghi anche l’individuazione degli interventi per la messa in sicurezza che, in base alla quinta ordinanza emessa martedì sera dal capo del dipartimento nazionale di protezione civile, l’ingegner Fabrizio Curcio, risultano di competenza dei vigili del fuoco. In questo senso i pompieri hanno eseguito un primo intervento a Castelluccio (Norcia) procedendo alla puntellatura di un edificio privato. Qui i residenti rimasti a tre settimane dal sisma sarebbero una mezza dozzina, tutti accolti da un agriturismo nei pressi dell’abitato dove mercoledì sono tornati a lavorare i tecnici del ministero dei Beni e delle attività culturali (Mibac) per mettere in sicurezza il campanile di Santa Maria delle Grazie, gravemente lesionato dal sisma.

Norcia, primo giorno di scuola in tenda
Ingv: «Massima velocità di scuotimento a Norcia»
Parrucchieri e barbieri per gli sfollati: fotogallery
Verifiche su 200 beni culturali
Castelluccio, tendopoli smantellata dal vento

Tecnici tornano sul campanile Castelluccio L’intervento era già iniziato lo scorso 31 agosto ma era stato bruscamente interrotto da una scossa sismica che ha causato il crollo di una piccola porzione del bene culturale e fortunatamente nessuna lesione per gli addetti che stavano operando. Sul campanile si è tornati a intervenire seguendo il progetto redatto dalla Soprintendenza dell’Umbria che prevede il posizionamento di una rete di contenimento della muratore e la successiva cinghiatura. «L’opera – spiega una nota del Mibac – mira a garantire la sicurezza pubblica per evitare il crollo definitivo e danni sulle case limitrofe, ed è al contempo un importante recupero di un edificio storico di forte connotazione identitaria per il borgo di Castelluccio. A questa prima fase farà seguito l’intervento all’interno della chiesa, dove sono cadute importanti porzioni della muratura affrescata del lato confinante con il campanile, e la messa in sicurezza delle opere mobili». Intanto anche su Norcia e dintorni i meteorologi prevedono una nuova ondata di maltempo. Da venerdì e per quattro giorni sono previsti temporali e consistente abbassamento delle temperature, a patirne i disagi saranno in primis il centinaio di sfollati ospitati nella tendopoli di San Pellegrino dove, a differenza di Castelluccio, l’operazione di smontaggio delle tende appare ancora lontana.

Gli incontri Proseguono gli incontri con la cittadinanza organizzati dall’amministrazione comunale di Norcia che ormai da più di una settimana sta battendo il territorio per informare la cittadinanza delle soluzioni di accoglienza per il medio periodo. Oggi alle 18 al centro di accoglienza di Frascaro il sindaco Alemanno incontrerà i residenti della piccola località, mentre alle 21.15 al centro operativo comunale di piazzale Marucci sono attesi gli abitanti di viale Lombrini e Casino Cameresi. Sempre oggi la Confcommercio Umbria organizza a Cascia un incontro per gli imprenditori della Valnerina attesi alle 15 all’hotel Monte Meraviglia. Infine ieri il prefetto di Perugia, Raffaele Cannizzaro, ha firmato il provvedimento che individua nel territorio della provincia le fondazioni, le associazioni, i comitati e gli enti attraverso i quali possono essere effettuate erogazioni liberali in favore delle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto fruendo di benefici fiscali.

@chilodice

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250