giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 22:23
8 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 20:11

Si riaprono i cancelli di Villalago: fruibile parco e sentieri, all’interno in mostra opere di De Felice

Biglietto di ingresso simbolico per i veicoli, barbecue con quattro camini e una quarantina di tavoli. Passeggiate a cavallo su prenotazione e spazio giochi per i bimbi

Si riaprono i cancelli di Villalago: fruibile parco e sentieri, all’interno in mostra opere di De Felice
Villalago

di Chiara Fabrizi

Tornano ad aprirsi i cancelli di Villalago. Si interromperà venerdì la lunga chiusura, risalirebbe almeno al 2008, della residenza storica con vista sul lago di Piediluco (Terni) e un parco di oltre 60 ettari che si estende tra Arrone e la stessa località lacustre.

Si riaprono i cancelli di Villalago Per il lungo weekend di Ferragosto, dunque, sarà possibile accedere a parte del parco e percorrere i sentieri che attraversano la proprietà, ma anche rientrare in una delle stanze di Villalago dove è in fase di allestimento la mostra con alcune opere di Aurelio De Felice (Torreorsina 1915-1996), lasciate dalla Provincia di Terni alla società Delta che ha preso in gestione l’immobile storico e l’intera area con l’obiettivo di trasformarlo in un albergo. «Abbiamo voluto dare un segnale dopo i timori manifestati dai residenti – dice Stefano uno dei soci a Umbria24 – per far capire che il nostro progetto è serio e che l’impegno che ci stiamo mettendo è importante». E così da venerdì sarà possibile accedere a Villalago in auto e in moto pagando, questo viene spiegato, «una cifra simbolica per ogni veicolo – prosegue Stefano – gli ultimi tariffari della Provincia di Terni prevedevano un biglietto di due euro a persona, noi abbiamo preferito un’altra formula anche se per il momento non abbiamo ancora definito i prezzi».

Fruibile parco e sentieri, all’interno mostra In particolare, verrà nuovamente resa fruibile anche un’area del parco che conta quattro camini e una quarantina di tavoli, l’area giochi preesistente e tirata a lucido negli ultimi giorni e come detto i sentieri «che – spiega Stefano – potranno essere percorsi a cavallo su prenotazione in base all’accordo fatto con un maneggio della zona». Non sarà invece fruibile l’intera villa fin da ora agibile ma che necessita di piccoli interventi e pratiche burocratiche prima di essere visitata, né l’anfiteatro dove «comunque – afferma Stefano – è stata rimossa tutta la vegetazione e gli infestanti che lo avevamo praticamente sommerso ma non per questa apertura specifica vorremmo organizzare un concerto o un evento».

@chilodice

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250