mercoledì 20 febbraio - Aggiornato alle 23:12

Trasferta amara per il Perugia, vince il Prato per 2-0

di Giovanni Baricca

Il Prato colpisce e fa male al Perugia, che perde 2-0 al «Lungobisezio» viene ancora criticato dai suoi tifosi. I lanieri trovano il vantaggio nel primo tempo, con Benedetti, e chiudono il match nella ripresa, con Caasini.

La partita. Guarda le immagini

Martella out Già costretto a rinunciare ad Anania, tenuto ai box da un infortunio alla caviglia, Camplone si presenta al «Lungobisenzio» privo anche dell’altro terzino, Martella, e mette dentro due centrali. Jefferson a destra, Russo a sinistra.Esposito, tecnico dei lanieri, manda in campo il suo consueto 4-3-1-2, sopperisce alle assenze di Tiboni e Silva Reis con Disabato e Benedetti, costruisce la sua partita di sofferenza e alla fine la spunta.

Primo tempo: buon Perugia, Prato in vantaggio Ad accendere la partita è il Perugia, che con Ciofani e Fabinho accarezzano più volte l’idea della rete. Inizia il centravanti: corner di Moscati, incornata sul fondo (8’). Prosegue il brasiliano: Politano, spostato a sinistra, taglia un cross rasoterra su cui Fabinho non arriva per un soffio. Ma è poca roba. Buona al massimo ad alzare il ritmo, non certo a passare. Per quello serve altro, ad esempio il filtrante con cui Napoli smarca Benedetti al 21’ e taglia fuori Russo: destro al volo dell’attaccante, palo interno e infine rete. Micidiale per i grifoni. Che nel frattempo avevano pure creato qualcosa d’altro (corner da destra di Moscati, Ciofani anticipato sul più bello da Beduschi) e che poi faranno altrettanto: girata in area di Ciofani velo di Politano, conclusione di Fabinho deviata in corner da un difensore (25’); Politano in profondità per Fabinho, Layeni lo chiude e chiude pure la ribattuta di Ciofani (33’). A chiudere la frazione sono comunque i lanieri, che con una conclusione sottomisura di Casini spaventano Koprivec (bravo a respingere) e che con quella di Napoli scheggiano la traversa.

Raddoppio Prato e contestazioni Ad aprire la ripresa è una prodezza di Layeni su conclusione a botta sicura di Lebran. Il secondo tentativo del granatiere incappa sul corpo di un difensore e si spegne in calcio d’angolo. Le premesse sono buone, ma il Perugia non brilla. Napoli ci prova dalla distanza (4’), alto. Contrasto a centrocampo Cacioli-Napoli e nuova conclusione sul fondo del centravanti classe 1989 (8’). La vivacità dei biancorossi è tutta in un filtrante di Esposito che non trova deviazioni vincenti, in un mancino di Politano sui cartelloni pubblicitari, e infine in quello di Rantier che chiude sull’esterno della rete un buon triangolo con Tozzi Bosroi (subentrato a Ciofani). E i locali ne approfittano: prima con un paio di occasioni (De Agostini per Disabato che dal limite dell’area sbgalia la mira, tiro centrale di Essabr all’altezza del dischetto del rigore bloccato da Koprivec); poi con il gol del raddoppio: Napoli salta Jefferson e pennella sul secondo palo, Koprivec respinge ma serve Casini che ribadisce in rete. I tifosi biancorossi sugli spalti rumoreggiano e una parte, la più vicina alla tribuna dove siedono Moneti e Santopadre, intona pure qualche coro contro Camplone.

 

PRATO (4-3-1-2): Layeni; Corvesi, Beduschi, Ghinassi, De Agostini; Casini, Cavagna, Cristofari (15’st Bisoli); Disabato (42’st Carminati), Napoli, Benedetti (27’st Essabr). A disp.: Brunelli, Saitta, Kostadinovic, Papini. All.: Esposito.

PERUGIA (4-3-3): Koprivec; Jefferson, Cacioli, Lebran, Russo; Moscati, Esposito, Cenciarelli (25’st Carloto); Politano, Ciofani (13’st Tozzi Borsoi), Fabinho (15’st Rantier). A disp.: Giordano, Garcia, Liviero, Barra. All.: Camplone.

ARBITRO: Juan Luca Sacchi di Macerata. RETI: 21’pt Benedetti, 29’st Casini. NOTE: spettatori 2000 circa, di cui 200 provenienti da Perugia. Ammoniti: Moscati, Cavagna, Cacioli, De Agostini. Espulsi: nessuno. Angoli: 9-3 per il Perugia. Recuperi: 0’pt, 4st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.