domenica 23 febbraio - Aggiornato alle 02:31
Senza categoria

T-Red: l’inventore chiede l’abbreviato per il caso di Spello, la Ci.Ti.Esse parte civile

Stefano Arrighetti, l'inventore dei T-Red, le temutissime telecamere poste sui semafori di mezza Italia, ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato al gup Carla Giangamboni di Perugia

di Fra.Mar.

Stefano Arrighetti, l’inventore dei T-Red, le temutissime telecamere poste sui semafori di mezza Italia, ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato al gup di Perugia, Carla Giangamboni, chiamato a decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio presentata dal pubblico ministero Giuseppe Petrazzini per il caso dei T-Red di Spello. La Ci.Ti.Esse, la società che percepiva 29,10 euro su ogni multa emessa, si è invece costituita parte civile

Gli indagati Insieme ad Arrighetti, difeso dall’avvocato Rosario Minniti, indagato per truffa,  il pubblico ministero aveva anche chiesto di processare Raoul Cairoli, l’allora amministratore della Ci.Ti.Esse, la società che commercializzava e istallava le apparecchiature, e Giancarlo Meniconi, il comandante della polizia municipale di Spello. Al primo, difeso martedì dall’avvocato d’ufficio Carmen Ambra, viene contestata la truffa, al secondo, rappresentato dall’avvocato Maria Mezzasoma, invece la turbativa d’asta.

In Aula L’udienza di martedì mattina è servita dunque ad Arrighetti per chiedere il giudizio abbreviato e alla Ci.Ti.Esse per costituirsi parte civile. Le difese però hanno sollevato delle eccezioni di ammissibilità in quanto l’azienda avrebbe anche lucrato dalle multe emesse dalle apparecchiature poste sui semafori, che per molto tempo sono state l’incubo dei perugini. L’udienza è stata poi rinviata al 23 settembre prossimo quando il giudice deciderà il destino processuale dei tre.

Altri processi Cairoli e Arrighetti sono coinvolti in altri procedimenti giudiziari nel Nord Italia. A Verona sono già stati rinviati a giudizio e per loro il processo inizierà il 21 giugno prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.