mercoledì 23 ottobre - Aggiornato alle 04:55

Spoleto, primo giorno del sindaco De Augustinis: «Festival deve dare occupazione»

Magistrato in Comune con Cretoni, Emili e Loretoni: «Dedicherò tante attenzioni alla città. Subito trasloco Sportello cittadino e summit coi dirigenti»

Il sindaco De Augustinis conosce Ponziano l'usciere del Comune (foto Fabrizi)

di Chiara Fabrizi

«Sei giorni a Spoleto e uno a Roma, dedicherò tante attenzioni alla città». Così il neo sindaco Umberto De Augustinis che, lunedì mattina, all’indomani della vittoria, è arrivato in piazza del Mercato intorno alle 10.45 ed è poi salito in municipio, con Alessandro Cretoni (Forza Italia), Angelo Loretoni (Rinnovamento) e Giampaolo Emili (coordinatore della campagna elettorale). Qui De Augustinis ha incontrato il segretario generale Mario Ruggieri. La proclamazione dell’elezione del sindaco è in programma mercoledì, mentre il consiglio comunale appena eletto dovrebbe insediarsi entro una ventina di giorni, in quella seduta, è forma istituzionale, il sindaco presenterà gli assessori che dovrà aver preventivamente nominato.

FOTOGALLERY
VIDEO: PARLA IL NEO SINDACO

Con «due ore di sonno» De Augustinis ha fatto fronte a una raffica di chiamate, tra cui quella della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e dell’ex ministro Giulio Tremonti, ed ha poi preso possesso dell’ufficio del sindaco, dove ha avuto un breve briefing con Cretoni ed Emili, prima di parlare alcuni minuti coi giornalisti: «Faremo una squadra di governo nel segno di trasparenza e competenza, ma soprattutto cercheremo di far mangiare un buon panettone agli spoletini perché – ha detto – nei primi sei mesi affronteremo le cose più urgenti e imposteremo l’azione di rilancio». Intanto lunedì mattina la prima pratica presa in mano è stata quello dello Sportello del cittadino, trasferito in centro storico: «La nostra intenzione è di farlo tornare nei locali di via dei Filosofi della Comunità montana, dove era collocato con gradimento dei cittadini. Dobbiamo fare alcune verifiche sui costi, ma lo trasferiremo in tempi molto brevi».

Altrettanto rapidi i tempi per l’inaugurazione del 61esimo Festival dei Due Mondi, su cui si alzerà il sipario il 29 giugno: «Dopodomani – dice il neo sindaco – parteciperò alla conferenza di presentazione qui in città. Il Festival deve dare occupazione e professionalità ai ragazzi spoletini, il Due Mondi come il Lirico sono bellissime officine che non possono perdere l’occasione di agganciare lo sviluppo. Avvieremo con il Festival e il Mibact un discorso molto sinergico». Intanto, sempre a stretto giro, verrà «fissato un incontro coi dirigenti del Comune, farò predisporre un piano del personale e vedremo come valorizzarlo. Ma anche sulle società partecipate – dice De Augustinis – dobbiamo dire qualcosa nei prossimi giorni».  Il magistrato di Cassazione conferma anche la volontà di «avviare verifiche tecniche» sulle effettive condizioni della sede storica e terremotata della scuola media Alighieri, su cui la precedente amministrazione con la Protezione civile regionale hanno avviato le procedure per la realizzazione del nuovo polo scolastico. Intanto martedì prima uscita ufficiale: a Spoleto è atteso il ministro alla Cultura Bonisoli del M5s.

@chilodice

I commenti sono chiusi.