venerdì 13 dicembre - Aggiornato alle 10:42

Fondazione Carit in campo con 2 milioni per il nuovo Palasport di Terni

Richiesto dal Comune per il progetto al foro Boario, il contributo deve essere autorizzato. Melasecche: «Vittoria della città»

Luigi Carlini, presidente Fondazione Carit (foto Rosati)

Anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Terni scende in campo per il nuovo Palasport. Il Consiglio di amministrazione guidato dal presidente Luigi Carlini, infatti, ha aperto all’erogazione di un contributo da 2 milioni di euro nel triennio per sostenere il progetto di realizzazione nell’area del foro Boario.

Carit in campo per il Palasport La richiesta era arrivata dal Comune di Terni, che oggi con l’assessore ai lavori pubblici Enrico Melasecche incassa la disponibilità della Carit e festeggia «una vittoria della intera città, che ha rischiato incredibilmente di saltare a causa di piccoli, disordinati interessi di parte, polemiche inconcludenti e manovre destabilizzanti». L’assessore esprime, quindi, «viva soddisfazione per la decisione manifestata dalla Fondazione», con il contributo di 2 milioni di euro in tre anni che dovrà essere comunque sottoposto all’iter previsto prima dell’erogazione. Ma intanto è un altro passo in avanti verso la realizzazione della «opera più importante da portare a termine in questa consiliatura, prevedendo – dice Melasecche – la riqualificazione di sette ettari a ridosso del centro storico, la realizzazione di un impianto sportivo per 4 mila spettatori, che salgono a 5.500 nel caso di spettacoli musicali e culturali, mentre in estate saranno anche disponibili 4.500 posti all’aperto in riva al fiume Nera».

I commenti sono chiusi.