Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 24 ottobre - Aggiornato alle 14:04

Ferrovia Orte-Falconara, De Micheli: «Commissario per accelerare su opera strategica»

C’è l’intesa tra Umbria, Marche e Rfi per gruppo di lavoro. Tesei: «Frutti da raccogliere a breve»

Tesei, De Micheli, Ceriscioli e Gentile

di Chia.Fa.

Un commissario straordinario per il raddoppio ferroviario Orte-Falconara per accelerare la realizzazione delle opere soprattutto nella fase iniziale, in particolare di autorizzazione, come previsto dal decreto Semplificazioni. Lo ha annunciato la ministra per le Infrastrutture e i Trasporti Paola De Micheli che, mercoledì ad Ancona, ha firmato un protocollo coi governatori di Marche e Umbria, Luca Ceriscioli e Donatella Tesei, oltreché naturalmente con l’ad di Rfi Maurizio Gentile.

Commissario per Orte-Falconara Il commissario straordinario dovrà essere nominato nei prossimi giorni, mentre l’intesa siglata in queste ore impegna alla costituzione tra le parti di un gruppo di lavoro che riordini il progetto, da molti anni all’ordine del giorno, per raddoppio ferroviario Orte-Falconara, per la velocizzazione della ‘trasversale obliqua’ Tirreno-Adriatico.

Ministra: «Dare svolta ad aree interne» Il commissariamento per l’opera è frutto, nelle parole della De Micheli, di «due riflessioni politiche e strategiche», con l’obiettivo di dare una «svolta alle aree interne» con le infrastrutture. «Ho imparato a conoscerle – ha osservato la ministra – sono luogo straordinaria ricchezza ma poverissimo di infrastrutture. La sfida è costruire infrastrutture che abbiano rispetto maniacale di quella condizione ambientale, in molti casi anche produttive e attrattive, – ha spiegato – ma che può essere potenziata e può avere la sua cassa di risonanza nella realizzazione di una serie di infrastrutture che mettano in condizione anche coloro che vivono nelle aree interne di essere a meno di un’ora da una grande infrastruttura ferroviaria».

Cosa serve All’Umbria serve in particolare il raddoppio tra Spoleto e Terni, ma è fondamentale anche il miglioramento del tratto Foligno-Fabriano, con la prima opera che richiede la realizzazione di una galleria di 19 km e ha una stima di spesa da oltre mezzo miliardo e la seconda che richiede un investimento di circa 2 miliardi: «Umbria e Marche sono due regioni contigue – ha detto la Tesei – che devono dialogare costantemente, in particolar modo per ciò che riguarda i collegamenti infrastrutturali di ogni genere e la firma di oggi ne è la dimostrazione».

Tesei: «Risultati a breve» Per la governatrice, poi, «i frutti di questo gruppo di lavoro si dovranno vedere a breve, e per questo ho chiesto al ministro di fissare già da oggi la data del primo incontro». Relativamente alle tempistiche la presidente ha poi aggiunto che «l’emergenza che stiamo vivendo ci impone ora più che mai di dare risposte rapide e cogliere le occasioni offerte anche dall’Europa. Vi è dunque, come il ministro De Micheli ben sa – ha concluso Tesei – l’esigenza di snellire le procedure per avviare e portare a termine le varie opere necessarie e non più rinviabili».

I commenti sono chiusi.