mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 05:26
13 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 08:38

Ritrovata la melodia nascosta del cantico delle creature di San Francesco: la canta fra Alessandro Brustenghi

Utilizzate tecniche medievali e antichi manoscritti per risalire alla primordiale musica del cantico. Il video della melodia nascosta

Ritrovata la melodia nascosta del cantico delle creature di San Francesco: la canta fra Alessandro Brustenghi

di M.T. 

Che sia quella vera di San Francesco nessuno potrà mai dirlo con certezza, ma che questa versione sia per metodo utilizzato e per ricerca storica sia la iù prossima a quella del Poverello sembra non ci possano essere troppi dubbi. Il ‘Cantico delle creature’ di San Francesco ha ritrovato quindi la sua melodia originaria. E se qualche nota si può leggermente allontanare da quella primordiale sarà sicuramente perdonato. Una lunga ricerca quindi fa gioire oggi i frati di Assisi che possono cantarla proprio come amava fare ‘fra Francesco d’Assis’.

VIDEO. TUTTO LO STUDIO SPIEGATO NEI DETTAGLI

Ascoltata per la prima volta La presentazione inedita della melodia è avvenuta in occasione della 52° edizione della Festa del Cantico che si è aperta, sabato pomeriggio, a San Damiano, con la presentazione dell’ultimo libro di frate Alessandro Brustenghi, ‘Laudato si’ mi’ Signore – la melodia nascosta del Cantico delle creature’, recentemente pubblicato per i tipi della casa editrice Porziuncola e che contiene all’interno tutto lo studio compiuto per risalire alle origini della melodia. Un’occasione preziosa per ritornare a quella che è, probabilmente, la più celebre delle preghiere di san Francesco. Le fonti – scrivono i frati minori – ci informano che Francesco sul Cantico «vi fece sopra la melodia, che insegnò ai suoi compagni” (FF 1615). Il fatto che la melodia non ci sia giunta ha fatto sì che spesso si trattasse degli aspetti letterari del cantico trascurando completamente la sua dimensione musicale.

VIDEO. IL CANTICO DELLE CREATURE RISCOPERTO

Lo studio in un libro La presentazione del libro di fra Alessandro ha quindi offerto l’opportunità di tornare al Cantico dal punto di vista della sua musica. Insieme coll’Autore, è intervenuto maestro Vladimiro Vagnetti, amico di vecchia data di fra Alessandro, esperto di musica antica ed estensore dell’accurata introduzione del volume.  L’aspetto forse più originale di questo lavoro è che l’autore non ha pensato di mettere in musica il testo secondo il suo gusto, magari con qualche stilema arcaizzante di sapore medievale (pensiamo a compositori classici come C. Orff o J. Rodrigo, o a cantautori come A. Branduardi); né si è limitato a riadattare melodie medievali note arbitrariamente scelte, ma ha scelto e assemblato il materiale musicale (melodie tratte dal Laudario di Cortona) avendo come premessa e come criterio la tecnica medievale della contraffazione. In altre parole, non solo ha usato materiale medievale, ma lo ha “lavorato” con una tecnica medievale.

FOTOGALLERY: LA PRESENTAZIONE 

La ricostruzione «E – scrivono ancora i frati i n una nota – la bellezza dell’antifona-ritornello (Altissimo, onnipotente, bon Signore, tue so’ le laude, la gloria e l’honore, et onne benedictione) e delle strofe, cantate su un tono di tipo salmodico, ha conquistato i presenti. La musica è passata dalle orecchie al cuore, e dal cuore alla bocca; e l’ascolto si è fatto canto, quando, al momento del richiestissimo bis, fra Alessandro ha invitato il pubblico ad unirsi al coro nell’esecuzione dell’antifona-ritornello. Così si è cantato e pregato insieme, spontaneamente. Così doveva succedere otto secoli or sono, all’ascolto di un menestrello, di un trovatore, di un giullare… o di un frate: «Noi siamo i giullari del Signore – diceva Francesco ai suoi compagni – [… ] Che cosa sono i servi di Dio, se non i suoi giullari che devono commuovere il cuore degli uomini ed elevarlo alla gioia spirituale?».

Il messaggio «Laudate e benedicete mi’ Signore, et rengratiate et serviateli cum grande humilitate»: questa è la consegna di Francesco che p. Claudio Durighetto, ministro provinciale dei Frati Minori dell’Umbria, ha voluto affidare ai fedeli al termine della solenne celebrazione eucaristica che ha presieduto all’indomani presso San Damiano. Proprio qui, a San Damiano, nei primi mesi del 1225 frate Francesco, già gravemente malato e segnato dalle stigmate della passione del Signore, compose il celeberrimo Cantico delle creature. La celebrazione eucaristica è iniziata nel giardino del Cantico, memoria del luogo in cui, accanto al monastero, le Povere dame approntarono una capanna per Francesco e i suoi compagni, che vi trascorsero 50 giorni.

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250