domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 14:16
29 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:38

Ritornare autonomi dopo traumi invalidanti: premio alla Prosperius dalla Cina

«Il nostro obiettivo è quello di restituire autonomia a chi l'ha perduta. siamo esperti di tecnologia applicata alla medicina»

Ritornare autonomi dopo traumi invalidanti: premio alla Prosperius dalla Cina

L’ istituto Prosperius Tiberino di Umbertide – 112 posti letto e oltre 100 operatori sanitari, 18 anni di attività nel settore della riabilitazione ortopedica e neurologica – ha ricevuto un riconoscimento internazionale nel recente convegno di Nanchino (Cina), dove si sono ritrovati, la settimana scorsa, oltre 1000 delegati provenienti da tutti il mondo, esperti in tecnologia applicata alla medicina. Prosperius, che ogni anno elargisce prestazioni a più di 1500 pazienti, sia umbri che provenienti da altre regioni italiane e dall’estero, si è distinto nell’ambito della riabilitazione neurologica con l’impiego della robotica, e la relazione presentata al convegno di Nanchino è valsa al responsabile dell’area neurologica Paolo Milia la nomina a vicepresidente della Società internazionale di medicina digitale.

I particolari La lezione magistrale di Milia, è stata incentrata essenzialmente sulle nuove frontiere tecnologiche che permettono al paziente con gravi esiti motori, a seguito di ictus, traumi cerebrali e lesioni midollari, di recuperare una soddisfacente qualità di vita. «Abbiamo presentato alla comunità scientifica internazionale la capacità di applicare la tecnologia su pazienti che normalmente non sono più in grado di camminare – dice Milia -. Da anni il nostro impegno ha come finalità quella di restituire nella stragrande maggioranza dei casi ai pazienti la possibilità di ritrovare l’autonomia perduta. I risultati presentati al convegno di Nanchino – aggiunge Milia con l’ufficio stampa dell’ospedale di Perugia di Perugia – hanno riguardato oltre 100 persone, aprendo prospettive di scambio di esperienze con tutti i paesi del mondo». L’attuale riconoscimento ottenuto da Prosperius, fa seguito all’accordo, oramai quinquennale, che il centro – un istituto a capitale misto, parte integrante della rete regionale umbra, in stretto collegamento con le strutture ospedaliere – ha sottoscritto con 32 università americane per accogliere annualmente studenti di medicina e fisica e riabilitativa che frequentano corsi di formazione presso la struttura di Umbertide.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250