martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 08:59
15 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:34

Ritorna Alchemika al quartiere bohemièn di Perugia, il festival ‘artisti di strada’ in via della Viola. Programma

Danza aerea, clownerie, marionette, street band, fuoco vivo, mercatini, estemporanee d’arte, truccabimbi, bande e danze africane

Ritorna Alchemika al quartiere bohemièn di Perugia, il festival ‘artisti di strada’ in via della Viola. Programma

Il 17, 18 e 19 giugno il quartiere bohemién di Perugia, quello di via della Viola e dintorni, torna a ospitare la magia di Alchemika, festival di artisti di strada giunto con successo alla terza edizione. L’evento è uno degli appuntamenti più importanti dell’associazione ‘Fiorivano le viole’ che da 4 anni opera in uno dei quartieri più caratteristici della città, tornato oggi ad essere zona fertile di vitalità artistica e operosità sociale.

Gli appuntamenti Tre giorni di festa quindi, a partire dall’anteprima del venerdì sera, in piazza San Giovanni del Fosso (nota agli abitanti del centro storico come piazzetta delle 500) con aperitivo alle 19, preview degli artisti che parteciperanno al festival e, alle 21, il concerto di Daniele Sepe. Il musicista napoletano sposa il progetto di Fiorivano le viole e porta nel cuore del quartiere un concerto sensazionale dove la sua mediterraneità si fonde con le sonorità balcaniche degli ‘O Rom’, quintetto gitano noto sulla scena musicale napoletana. Venerdì sarà anche giorno di inaugurazione del percorso artistico presente nel quartiere: una vera galleria a cielo aperto che, per l’occasione, si arricchisce di nuove installazioni e arredi urbani realizzati dagli artisti che orbitano intorno a Fiorivano le Viole e dall’opera firmata da Giuseppe Fioroni e donata al quartiere come segno del suo sostegno al progetto dell’associazione. Sabato e Domenica, a partire dalle ore 17:30, sarà un susseguirsi di eventi e spettacoli, da piazza Matteotti fino in fondo a via della Viola, passando per via Alessi e via Cartolari. Ce ne sarà per tutti i gusti: danza aerea, clownerie, marionette, street band, danza, spettacolo di fuoco vivo, mercatino dell’artigianato, estemporanee d’arte, truccabimbi, bande itineranti, danze africane e tanta musica. Come sempre la chiusura delle due giornate è affidata al concerto ‘in piazzetta': sabato è la volta di ‘Tony Romano Psycho Explosion’ con il loro pulsare post rockabilly mentre la domenica l’atmosfera si fa ‘caliente’ con il battente groove di ‘Project tango trio’. Non mancherà nemmeno quest’anno l’amico ‘Ciclotto’ con la sua giostra a pedali per bambini allestita dal 16 al 19 giugno in piazza Matteotti.

Venerdì 17 ore 21:00 Concerto gratuito di Daniele Sepe assieme agli O’ Rom, band nata nel 2008 dall’incontro di tre musicisti napoletani e strumentisti di strada rumeni. Un esperimento musicale tra musica gipsy, sint e swing che mescola il linguaggio ‘Romanes’ tipico del popolo rom e le maestranze e i virtuosismi del sax-mediterraneo dai ritmi jazz di Daniele Sepe.

Tony Romano Psycho Explosion, sabato 18 ore 22:00 Trio NeoRockabilly Fiorentino, fonde il rockabilly classico con il, il pulp, il Surf e lo Spy, il tutto suonato con un graffio e una intenzione punk/rock.

Tango Project Trio, domenica 19 ore 22:00 Giacomo Tosti “Giacobazzi”, Alessandro Ricci e Daniela Chazarreta sono i Project tango. Fisarmonica, batteria e chitarra, tre musicisti che propongono un repertorio di brani dei più grandi compositori di tango e folklore argentino. Tanghi vals e milonghe vengono mescolati a “chacareras zambas e candombe” per far risuonare l’essenza della cultura popolare argentina e far vibrare quella nota non codificata che si muove tra l’allegria e la nostalgia.

Il Ciclotto dal 16 al 19 giugno in p.zza Matteotti Il Ciclotto è l’originale giostra a pedali progettata e realizzata da Michele Fortunato. E’ una attrazione per bambini regolarmente collaudata e totalmente meccanica. Non necessita dunque di elettricità per l’azionamento degli organi di movimento, per cui può senz’altro essere definita ‘ecologica’. L’artista garantisce non solo il normale svolgimento dello spettacolo, ma tramite l’utilizzo di attrezzature classiche per giocoleria come palline, clave, cerchi, oltre che bolle di sapone, strumenti musicali ed oggetti vari, intrattiene simpaticamente il giovane pubblico, creando una giocosa atmosfera d’altri tempi.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250