martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 05:36
21 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:18

Rifiuti, incentivi ai Comuni per adottare la tariffa ‘puntuale': la ripartizione del fondo

La giunta regionale assegna i 2,3 milioni del tributo per deposito in discarica. Anche soldi all'Arpa per le indagini su Pietrafitta

Rifiuti, incentivi ai Comuni per adottare la tariffa ‘puntuale': la ripartizione del fondo
Bidoni per la raccolta differenziata

di Iv. Por.

Dopo la strigliata, ecco gli incentivi. Usa la politica del bastone e della carota, la Regione Umbria nei confronti dei Comuni per innalzare la percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti. Le percentuali sono ancora troppo basse, inferiori agli obiettivi fissati. E così l’assessore all’Ambiente, Fernanda Cecchini, ha avviato una task force con la minaccia di esercitare i poteri sostitutivi nei confronti degli enti inadempienti. Intanto, però, per i virtuosi arrivano gli incentivi derivanti dal tributo speciale per deposito in discarica, subordinati però all’adozione della tariffazione puntuale.

Tesoretto da ripartire Il gettito per il 2016 ammonta a 2,3 milioni di euro, che la giunta di Palazzo Donini ha ripartito. «Il fondo è stato istituito per favorire la minore produzione di rifiuti e il recupero di materia prima ed energia e sono queste le finalità che abbiamo considerato nella ripartizione delle risorse, tenendo conto prioritariamente delle misure e delle azioni attuative del Programma regionale di prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti», sottolinea Cecchini.

Tariffazione puntuale In primis, vengono premiati i virtuosi, mettendoli davanti a una nuova sfida. Nel piano di riparto, sono stati infatti destinati 400 mila euro a favore dei Comuni per il passaggio alla tariffazione puntuale ovvero quella che viene calibrata misurando esattamente i rifiuti prodotti dalla singola utenza. «Come abbiamo previsto nelle misure per accelerare l’incremento della raccolta differenziata approvate nel gennaio scorso – dice l’assessore – i contributi sono concessi ai Comuni che hanno conseguito l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata. In base ai dati certificati del 2015, i possibili Comuni beneficiari sono Lisciano Niccone, Umbertide, Bastia Umbra, Bettona, Fratta Todina, Todi, Torgiano, Attigliano e Montecastrilli. Per ottenere i contributi, dovranno dotarsi di un progetto per il passaggio tariffario e ridefinire il piano economico finanziario del servizio gestione rifiuti».

Centri di riuso Per promuovere e sostenere la realizzazione di centri di riuso e di preparazione al riutilizzo, anche in prossimità dei centri di raccolta ed isole ecologiche esistenti, sono stati destinati 450 mila euro. «I contributi verranno concessi attraverso un bando pubblico – spiega l’assessore – al quale i Comuni potranno partecipare sulla base di un progetto e dell’impegno a cofinanziare l’intervento».

Gualdo Tadino, Narni e Magione Una parte cospicua delle risorse, per un totale di 850 mila euro, è stata prevista a favore delle amministrazioni comunali di Gualdo Tadino, Narni e Magione rispettivamente per gli interventi di messa in sicurezza permanente del sito di Vignavecchia (Gualdo Tadino), per la rimozione dei rifiuti presenti nello stabilimento dell’ex Adica (Narni) e per la bonifica del sito denominato “ex Pulipelle Ubaldini” a Casenuove di Magione.

Pietrafitta e comunicazione «Abbiamo inoltre destinato 50 mila euro a favore dell’Arpa, l’Agenzia per la protezione ambientale – sottolinea l’assessore Cecchini – per le indagini nelle aree interessate dalla presenza di ceneri di rifiuti a Pietrafitta, nel comune di Piegaro». Sono stati previsti, infine, 150 mila euro per attività di comunicazione, incontri e azioni divulgative di “buone pratiche” per la prevenzione della produzione di rifiuti, mentre sono stati riservati 400 mila euro per le opere di manutenzione delle aree naturali protette a cura dell’Agenzia Forestale regionale.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250