sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 08:59
21 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:16

Rifiuti, bioreattore di Borgogiglione: al lavoro per un nuovo piano, c’è tempo entro il 31 maggio

Mercoledì in Regione l'incontro fra Cecchini, Arpa, i sindaci e Gesenu, l'assessore: «Ognuno si assuma sue responsabilità e si rispetti il Piano regionale, non possiamo stare con le mani in mano»

Rifiuti, bioreattore di Borgogiglione: al lavoro per un nuovo piano, c’è tempo entro il 31 maggio
La discarica di Borgogiglione

di Daniele Bovi

C’è stata in special modo la discarica di Borgogiglione al centro del tavolo intorno al quale, mercoledì, si sono riuniti l’assessore regionale all’ambiente Fernanda Cecchini, il sindaco di Perugia e presidente dell’Ati2 Andrea Romizi, quello di Magione, Giacomo Chiodini, il presidente dell’Auri e sindaco di Corciano, Cristian Betti, il direttore di Arpa Umbria, Walter Ganapini, i commissari straordinari di Gesenu, Salvatore Santucci e Antonio Mancini e l’ad di Gesenu Dante De Paolis. In particolare si è parlato della situazione legata all’impianto di biostabilizzazione, il cui funzionamento è consentito con proroga fino al 31 maggio. Terminata dopo quattro anni la sperimentazione per quanto riguarda il trattamento della Forsu, cioè la frazione organica (quella umida) che arriva dall’indifferenziata e che prima di arrivare in discarica deve essere stabilizzata, bisogna trovare una soluzione tecnica ed evitare che l’ingranaggio del meccanismo che serve in special modo l’area di Perugia, oltre a quella del Trasimeno, si inceppi.

L’incontro Gesenu, anche con l’aiuto del Cic, il Consorzio italiano compostatori, sta vagliando una serie di soluzioni che potrebbero riguardare, sostanzialmente, un nuovo tipo di biostabilizzazione che avverrebbe in discarica oppure un altro che si svolgerebbe sempre all’interno del bioreattore (in caso riqualificato), ma con modalità e tempi più brevi rispetto a quelli attuali. Qualunque sia il metodo, la pratica va chiusa entro maggio ovviamente con il beneplacito delle istituzioni, a partire dall’Arpa, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. Oltre a ciò, complice il previsto aumento della differenziata, si è parlato anche di un possibile ‘allungamento’, in caso, della vita della discarica per un tempo più lungo rispetto a quello attuale. Un quadro sul quale c’è la sintonia delle istituzioni, a partire dai tre sindaci, Romizi, Chiodini e Betti. In una nota diffusa dopo l’incontro Cecchini, allargando lo sguardo all’intera regione, dice che bisogna «rispettare gli obiettivi e gli strumenti che siamo dati con il Piano regionale», e che «per fare ciò c’è bisogno di una forte accelerazione e qualificazione nel processo di raccolta differenziata dei rifiuti e contemporaneamente di innovazione e sviluppo dell’impiantistica. Ed in questo percorso ciascuno deve assumersi le proprie responsabilità. Non possiamo stare con le mani in mano, aspettando che passi la nottata».

TSA, ALESSIA DORILLO NUOVO PRESIDENTE

L’assessore Cecchini riguardo a Gesenu ha detto che le interdittive per quanto possibile non devono «pregiudicare il quadro generale», mentre a proposito dell’Auri la prospettiva è quella di un «unico Piano che riguardi tutti i comprensori dell’Umbria con l’auspicio che presto si possa anche arrivare ad una gestione unitaria del rifiuti, superando le attuali 23 gestioni diverse. Abbiamo anche attivato una task force coinvolgendo tutti i soggetti responsabili di impianti o discariche insieme ai Comuni, all’Arpa ed alla Regione». Da ultimo l’assessore ha ricordato ai comuni che gli obbiettivi fissati recentemente dalla giunta, ovvero «il raggiungimento del 60 per cento di raccolta differenziata entro il 31 dicembre 2016 e l’adeguamento degli impianti di smaltimento esistenti, debbono essere confermati e conseguiti».

Twitter @DanieleBovi

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250