martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 08:59
11 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 09:40

Residenti, in Umbria il dato più basso degli ultimi 10 anni. Crescita naturale tra le peggiori d’Italia

I dati dell'Istat relativi al 2015: 891 mila persone contro le quasi 895 mila di inizio anno. Indice di vecchiaia tra i più alti del paese

Residenti, in Umbria il dato più basso degli ultimi 10 anni. Crescita naturale tra le peggiori d’Italia

di Daniele Bovi

Per trovare un dato più basso occorre andare indietro con le serie storiche al 2006, quando al 31 dicembre risultavano residenti in Umbria 872 mila persone. Secondo il bilancio demografico nazionale pubblicato dall’Istat venerdì e relativo all’anno 2015, nella regione al 31 dicembre la popolazione ammontava a 891 mila persone (427 mila i maschi), oltre 3.500 in meno rispetto all’inizio dell’anno. Il saldo naturale, cioè la differenza tra i nati e i morti, è negativo di quasi 4.300 unità: 6.542 i primi e 10.811 i secondi. Numeri che collocano la regione tra quelle con il tasso di crescita naturale peggiore: -4,8 per mille, più alto solo in Toscana, Liguria, Molise e Piemonte mentre la media nazionale si ferma a -2,7. Come conseguenza di ciò, anche i tassi di natalità (7,3 per mille) e mortalità (12,1 per mille) sono peggiori rispetto al resto del paese (rispettivamente 8 e 10,7 per mille).

I numeri Insieme ai dati della crescita naturale vanno calcolati quelli relativi a coloro, siano essi italiani o stranieri, che decidono di vivere in Umbria o di andarsene. In totale nel 2015 si sono iscritte dall’estero 3.784 persone (352 gli italiani) mentre coloro che si sono cancellati dalla lista dei residenti sono 2.411. La differenza tra i primi e i secondi è dunque positiva, ma non basa a compensare la bassa crescita naturale della popolazione umbra. E a proposito di coloro che se ne vanno all’estero ben 1.228 sono italiani e solo 558 casi riguardano stranieri ai quali è scaduto il permesso di soggiorno. E a proposito di stranieri, anche il loro numero è sceso nel corso dell’anno: da 98.618 del primo gennaio ai 96.875 del 31 dicembre, anche se di questi oltre 3.700 hanno conquistato l’agognata cittadinanza italiana.

La fotografia Positivo, sempre a proposito di stranieri il saldo tra nascite (1.205) e decessi (148) per una popolazione che in Umbria è ormai il 10,9 per cento (2,5 punti in più rispetto alla media del paese e una delle percentuali più alte in Italia). Non italiani i cui tassi di natalità (12,3 per mille) e di crescita naturale (10,8 per mille) sono più alti di quelli degli umbri; da ultimo, figli e figlie di persone straniere rappresentano il 18,4 per cento del totale delle nascite nella regione (quasi quattro punti in più rispetto alla media italiana). Nella sua analisi l’Istat si occupa anche della struttura della popolazione umbra, che in media ha 46,3 anni contro i 44,7 del resto del paese. Osservando la fotografia scattata dall’Istituto si notano differenze rispetto al resto d’Italia in special modo riguardo la fascia più anziana della popolazione.

Gli indici Nella fascia da zero a 14 anni infatti c’è il 13 per cento della popolazione, in linea con la media; in quella dai 15 ai 64 il 62,3 per cento mentre gli ultra 65enni sono quasi il 25 per cento degli umbri, due punti in più del resto d’Italia. Un’Umbria che presenta i valori più alti insieme a Toscana, Liguria, Friuli e Piemonte. Scenario simile per quanto riguarda gli ultra 80enni, che sono l’8,2 per cento mentre in Italia non si arriva al 7 per cento. Il risultato? L’indice di vecchiaia, ovvero il rapporto ultra 65enni e popolazione nella fascia 0-14 anni (moltiplicato per 100) è pari a 192 contro una media di 161. Più alto della media (40 contro 34) anche quello che misura il rapporto tra ultra 65enni e popolazione in età attiva (tra i 15 e i 64 anni).

Twitter @DanieleBovi

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250