giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 06:59
21 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 11:41

Regione, tagliati 101 dipendenti dalla pianta organica: 88 sono livelli D. Risparmio di 1,7 milioni

Delibera approvata nelle scorse ore dalla giunta di palazzo Donini, si passa da 1.528 posti a 1.427. Posizioni organizzative che andranno in pensione non saranno riassegnate

Regione, tagliati 101 dipendenti dalla pianta organica: 88 sono livelli D. Risparmio di 1,7 milioni
Palazzo Donini, sede della giunta

Ammonta complessivamente a 1,750 milioni di euro all’anno l’alleggerimento per le casse regionali dell’operazione sul personale varata nelle scorse ore da palazzo Donini. La delibera, proposta dall’assessore Antonio Bartolini, prevede la riduzione di 101 posti della pianta organica, il pensionamento attraverso la pre-Fornero di 52 dipendenti che al 31 dicembre prossimo lasceranno il lavoro, e una dotazione organica che il primo gennaio 2017 passerà dagli attuali 1528 posti a 1427. Quali sono i 101 posti tagliati? Tredici sono esecutori di livello B, mentre la gran parte dei posti soppressi (88) riguardano i livelli D che sono istruttori direttivi e le posizioni organizzative che andranno in pensione non verranno riattribuiti.

Rinnovamento «Con questo atto abbiamo concluso la prima fase di accertamento e verifica della situazione che riguarda il personale della Regione. La giunta – spiega Bartolini – vuole procedere spedita nell’opera di riorganizzazione della macchina regionale, sia per raggiungere significativi obiettivi di contenimento della spesa sia per dotare la regione di un nuovo assetto, più moderno, più agile e dunque più al passo con i tempi e con le esigenze dei cittadini dell’Umbria. Una forte azione di rinnovamento insomma, accompagnata dallo snellimento della dotazione organica regionale che libererà risorse importanti da utilizzare a favore delle politiche di sostegno e di sviluppo dell’Umbria».

Punti da chiarire Il taglio è arrivato dopo il confronto con le organizzazioni sindacali e il protocollo firmato il 10 giugno scorso. Da qui a gennaio palazzo Donini dovrà chiarire una serie di punti, e tra questi ci sono le posizioni organizzative che si potranno riattivare nei confronti di quei dipendenti arrivati dalle Province. La giunta sta anche attendendo il parere dell’Autorità nazionale anticorruzione sulla nomina dei componenti dell’Organismo indipendente di valutazione «che ci servirà – spiega Bartolini – per fare la rilevazione dei carichi di lavoro in modo che dal primo gennaio il complesso della riorganizzazione sia a regime. Solo e soltanto dopo questo lavoro dell’Organismo di valutazione potremo ridefinire gli assetti organizzativi e dunque procedere all’assegnazione dei nuovi incarichi al personale interessato».

I vincoli «In ogni caso – conclude l’assessore -, siamo vincolati dalla legge ad applicare una serie di misure per la salvaguardia degli equilibri di finanza pubblica. In particolare, le amministrazioni che dichiarano eccedenza non possono ripristinare i posti soppressi nella dotazione organica; dalla riduzione di quest’ultima deve scaturire infatti una diminuzione strutturale della spesa di personale. I prepensionamenti non possono essere conteggiati nell’immediato come risparmi da destinare a eventuali nuove assunzioni e non sono consentite assunzioni, né di vincitori di concorso né di idonei, finché non è riassorbito il personale in eccedenza e non si sono create ulteriori vacanze in relazione al pensionamento ordinario. Ecco perché, contemporaneamente abbiamo deciso di prorogare fino al prossimo 31 dicembre tutte le posizioni attualmente rivestite. Entro fine anno pensiamo di ridurre le posizioni organizzative di un complessivo 20 per cento sul totale del personale regionale».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250